Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Senigallia, Tatulli ricevuto dall’Ammiraglio: “Ma non sono un eroe”

Il giovane marinaio che ha salvato un anziano al porto di Senigallia che aveva tentato il suicidio si schernisce: "Solo un'operazione di salvataggio naturale per il personale della Guardia Costiera"

Il Sottocapo Tatulli (a sinistra) e l'Ammiraglio Pettorino

Oggi il Comandante Regionale della Guardia Costiera delle Marche, l’Ammiraglio Giovanni Pettorino, ha ricevuto il Sottocapo Michele Tatulli, in servizio presso l’Ufficio Locale Marittimo di Senigallia, l’artefice del gesto coraggioso verificatosi nel porto canale di Senigallia mercoledì scorso.

Il giovane militare si è infatti tuffato nelle acque gelide del porto per salvare un anziano che qualche minuto prima si era buttato in mare con l’obiettivo di suicidarsi.
Anche se il marinaio non si considera un eroe ritenendo il suo operato “un’operazione di salvataggio naturale per il personale della Guardia Costiera” sicuramente il suo è stato un gesto di coraggio, che ha salvato la vita altrui.

Durante il colloquio, l’Ammiraglio Pettorino ha avuto parole di elogio per il particolare gesto del militare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senigallia, Tatulli ricevuto dall’Ammiraglio: “Ma non sono un eroe”

AnconaToday è in caricamento