Una piantagione di marijuana nascosta in zona industriale, arrestato operatore ecologico

Stamattina è scattato il blitz che ha portato all'arresto dell'operatore ecologico e il sequestro di 12 piante adulte per un totale di 10 chili di sostanza stupefacente

La pianta sequestrata

Ieri gli agenti del commissariato di Polizia di Osimo hanno arrestato un uomo di 38 anni residente a Loreto che, nella campagna della zona industriale di Loreto, aveva predisposto una vera e propria piantagione di piante di cannabis, ma non del tipo “sativa”, di cui è consentita la coltivazione, bensì del tipo “indica”, cioè quella vietata dalla legge che produce la cosiddetta marijuana.

L'uomo usava come copertura il suo lavoro di operatore ecologico per recarsi spesso nelle zona di via Zona Industriale Brodolini, facendo finta di raccogliere rifiuti. Alcuni sopralluoghi avevano portato i poliziotti a capire come le piante fossero giunte a maturazione e stavano per essere raccolte dal proprietario, anche perché ricoperte dalle preziose infiorescenze. Così stamattina è scattato il blitz che ha portato all'arresto dell'operatore ecologico e il sequestro di 12 piante adulte per un totale di 10 chili di sostanza stupefacente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento