rotate-mobile
Cronaca

Il marciapiede ammalorato diventa parcheggio per le auto. I residenti insorgono

Il cordolo distrutto non impedisce alle auto di salire sul marciapiede. I pedoni costretti a camminare in mezzo alla strada col rischio di essere investiti

ANCONA - Un problema che va avanti da mesi, nonostante le numerose segnalazioni in Comune. Il marciapiede posto nella parte bassa di via Tiziano, quella che sbocca sulla rotonda di Piazzale Europa, è diventato il parcheggio preferito di automobilisti indisciplinati. Spesso le auto restano parcheggiate in divieto per ore, addirittura permettere nottate. Il problema si aggrava quando ciò avviene nelle ore diurne, in concomitanza con l’uscita dei ragazzi dalle scuole medie Donatello situate in linea d’aria proprio sopra via Tiziano. Il serpentone di studenti, per raggiungere la fermata dell’autobus davanti alla rotonda di Piazzale Europa, si snoda in mezzo alla carreggiata. E col traffico dell’ora di punta il pericolo di un investimento è all’ordine del giorno.

La protesta

I residenti, ormai esausti, hanno segnalato più volte la situazione in Comune. Ma ad oggi il problema permane. «Già il marciapiede è completamente deteriorato - dice Stefano Catena, residente nel quartiere e amministratore di alcuni condomini della zona - ci sono buche dappertutto, gli anziani rischiano di cadere». Senza considerare, poi, che molto spesso il passaggio non è neanche fruibile a causa dei tanti automobilisti che, non trovando parcheggio, preferiscono lasciare la macchina con le due ruote ad occupare completamente il camminamento. Risultato: «i pedoni sono costretti a caminare in mezzo alla strada - continua l’amministratore condominiale - col pericolo di venire investiti dalle auto in transito». I residenti, ormai esausti, promettono battaglia. «Continueremo a segnalare il problema a chi di dovere - incalza Catena -, con la speranza che le nostre lamentele non cadano nel vuoto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il marciapiede ammalorato diventa parcheggio per le auto. I residenti insorgono

AnconaToday è in caricamento