Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Marche, 5.917 alunni con disabilità: “Meno barriere e più ausili per l’apprendimento”

La situazione nella nostra regione è in linea o siperiore alla media nazionale, ma c'è ancora molto da fare. Questa la fotografia scattata da Exposanità (Bologna 21-24 Maggio 2014) su base dati MIUR

Nelle Marche nell’anno scolastico 2012/2013 sono stati 5.917 gli alunni con disabilità, pari al 2,6% del totale degli studenti della regione. L’11% dei disabili frequenta la scuola dell’infanzia, il 36% la scuola primaria, il 24% la scuola secondaria di I° grado e il 29% la scuola secondaria di II° grado.
Questa la fotografia scattata da Exposanità (Bologna 21-24 Maggio 2014) – manifestazione dedicata alla sanità e all’assistenza – su base dati MIUR – Ufficio di statistica, che per la prossima edizione propone diversi focus di approfondimento e di riflessione dedicati al tema della disabilità.

Nelle scuole a gestione statale della regione, il rapporto tra docenti e numero degli alunni con disabilità è di uno ogni 2,1 studenti, un dato in linea rispetto alla media nazionale pari a uno ogni due. Oltre al sostegno, gli alunni con disabilità necessitano di servizi con determinate caratteristiche per il superamento delle barriere architettoniche, come le scale a norma, gli ascensori, servizi igienici specifici, segnali visivi e acustici, percorsi interni ed esterni che facilitino gli spostamenti. Secondo i dati elaborati da Exposanità su base ISTAT, se da un lato nella regione Marche si registra una percentuale abbastanza alta di scuole con scale a norma (85,9% di scuole primarie e 90,8% di secondarie di I° grado) e con servizi igienici a norma (71,6% di scuole primarie e 77% di secondarie di I° grado), dall’altro solo il 36,2% delle scuole primarie e il 31,8% delle scuole secondarie di I° grado hanno reso accessibili i percorsi interni: un dato comunque superiore alla media nazionale. Stessa situazione per i percorsi esterni, resi accessibili solo nel 33,1% delle scuole primarie e nel 30,4% delle scuole secondarie di I° grado.

“Il tema dell’integrazione scolastica degli alunni con disabilità impone due diversi livelli di riflessione- rileva Marilena Pavarelli, Project Manager di Exposanità -. Da un lato è necessario ripensare ed adattare l’edilizia scolastica così da renderla fruibile al maggior numero di studenti possibile, dall’altro occorre dotarsi di una serie di risorse materiali ed umane che concorrano a rendere la scuola italiana e marchigiana più accessibile anche nei confronti di coloro che presentano difficoltà nell’apprendimento. Exposanità darà come di consueto spazio a queste due tematiche dedicando una serie di appuntamenti alla progettazione for all, a quei  prodotti destinati a chi presenta difficoltà cognitive nonché alle competenze necessarie a tutti coloro che seguono gli alunni con tali difficoltà: famiglie, insegnanti di sostegno, logopedisti, fisioterapisti e, più in generale, tutte le figure dello spettro riabilitativo.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marche, 5.917 alunni con disabilità: “Meno barriere e più ausili per l’apprendimento”

AnconaToday è in caricamento