menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Sanità Marche, mobilitazione dei sindacati davanti a 5 ospedali

Le organizzazioni sindacali chiedono in primis nuove assunzioni e rinnovo dei contratti nel sistema sanitario regionale che conta circa 20mila addetti

Cgil, Cisl e Uil lanciano la mobilitazione a sostegno dei lavoratori della sanità marchigiana. Domani, nell'ambito della campagna nazionale “Pubblico per il pubblico, lavoratori uniti per dare cure e servizi ai cittadini”, si terranno infatti cinque iniziative davanti ad altrettanti ospedali: uno per provincia. Presidi sindacali verranno organizzati, dalle 9 alle 10, nei piazzali antistanti gli ospedali di Pesaro Marche Nord, Ancona Torrette e Covid hospital di Civitanova Marche e, dalle 13 alle 15, in quelli di Fermo e Ascoli Piceno. Le organizzazioni sindacali chiedono in primis nuove assunzioni e rinnovo dei contratti nel sistema sanitario regionale che conta circa 20mila addetti. 

«È indispensabile ed urgente procedere con nuove assunzioni per implementare il personale e rafforzare i servizi sanitari attraverso tutti gli strumenti applicabili: utilizzo delle graduatorie da altre regioni e la stabilizzazione dei precari- spiegano in una nota congiunta-. È poi altrettanto importante che si rinnovino i contratti scaduti a fine 2018, valorizzando le professionalità e riconoscendo gli sforzi di questa difficilissima fase». Alle iniziative parteciperanno, oltre agli operatori sanitari, anche altri lavoratori del pubblico impiego marchigiano. «Questa é anche una mobilitazione collettiva dei lavoratori pubblici contro chi nega l'esistenza del virus- conclude la nota- dell'emergenza epidemiologia e del rischio che stanno correndo medici, infermieri e tutto il personale sanitario».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, un contagio a scuola: due classi in quarantena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento