rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Cronaca Centro storico / Corso Giuseppe Mazzini, 95

Sciopero della fame, sit-in al Tribunale e Comune: «Stop stato di emergenza»

Claudio Rossetti ha manifestato questa mattina davanti al Palazzo di Giustizia e al Comune di Ancona. E' al quarto giorno di sciopero della fame e lancia la manifestazione FISI di Roma

«Vaccinati o meno, il punto è che hanno creato questa contrapposizione ed è ora di ripristinare i diritti previsti nella Costituzione». A parlare è Claudio Rossetti, di Agugliano, che da quattro giorni pratica lo sciopero della fame e questa mattina ha voluto manifestare davanti al Tribunale di Ancona e poi davanti al Comune. Parla e protesta in rappresentanza della FISI (Federazione Italiana Sindacati Intercategoriale), che per il 15 e 16 febbraio ha indetto uno sciopero generale e che domani manifesterà al Circo Massimo di Roma. 

«Chiediamo la fine di uno stato si emergenza ormai immotivato, le condizioni sanitarie non lo giustificano e sta facendo danni irreparabili a molte persone- spiega Claudio- rivogliamo i diritti individuali, tra cui la possibilità di andare al lavoro senza “se” e senza “ma”. Occorre tutelare la salute? Allora si andrà a lavorare con le mascherine, ma non è possibile impedire di lavorare. Chiediamo che il Governo si faccia carico dei danni economici che subiscono i lavoratori- continua Claudio- Come? Contenendo i rincari dei generi di prima necessità. Sulla sanità vogliamo interventi seri relativamente alle strutture ospedaliere e sul territorio. Tutto ciò è ostacolato da una voluta contrapposizione tra vaccinati e non, su cui si soffia per creare questa spaccatura. Spaccatura, però, che serve solo come copertura». 

claudio rossetti sciopero della fame manifestazione comune 14 febbraio-3

«I diritti costituzionali sono sospesi da 2 anni- conclude Rossetti- chiediamo ai magistrati che ci sia almeno il coraggio di affrontare l’argomento e quindi di non archiviare tutte le denunce presentate negli ultimi mesi». Claudio ha iniziato lo sciopero della fame quattro giorni fa. Terminerà domani, ma non è ancora certo: «Fino a domani compreso ho manifestato la volontà di interrompere l’alimentazione, a seconda dell’esito della manifestazione di domani a Roma poi deciderò se proseguire o meno». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero della fame, sit-in al Tribunale e Comune: «Stop stato di emergenza»

AnconaToday è in caricamento