Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Fabriano: manifestazione unitaria dei lavoratori Indesit

I lavoratori provenienti da tutti i siti industriali della Indesit Company si incontreranno venerdì a Fabriano per la manifestazione contro la chiusura di None e la delocalizzazione in Polonia

I lavoratori provenienti da tutti i siti industriali della Indesit Company si incontreranno venerdì a Fabriano per la manifestazione nazionale indetta dalle sigle sindacali Fiom, Fim e Uilm contro la chiusura dello stabilimento torinese di None annunciata dall'azienda, che ha chiesto la Cigs per i 360 addetti (ad oggi impiegati per il 50%), e intende trasferire in Polonia la produzione delle lavastoviglie a incasso che ora escono da None.

Otto le ore di sciopero in tutti gli stabilimenti Indesit. Il 7 luglio 2009 azienda e sindacati avevano sottoscritto un accordo triennale per la ristrutturazione del sito piemontese, nel tentativo di rilanciarlo.
In questi tre anni Indesit ha investito 14 mln di euro su None, con Cigs a rotazione per i lavoratori in esubero. Lo scenario però è peggiorato, il mercato delle lavastoviglie è in ulteriore flessione e a questo punto secondo l'azienda non ci sono i presupposti minimi per 'salvare' None.
Dove tuttavia resterà attivo, potenziato, il Centro di innovazione, ricerca e sviluppo delle lavastoviglie (50 addetti).

Fiom, Film e Uilm temono un disimpegno progressivo di Indesit dall'Italia, nonostante l'azienda smentisca ogni ipotesi di delocalizzazione. Da qui la manifestazione di domani, che precede di poco la convocazione delle parti presso il ministero dello Sviluppo economico, fissata per il 19 giugno. Indesit nel frattempo si dice pronta a mettere in campo misure per il reimpiego del personale di None, come ha già fatto per l'impianto di Brembate (Bergamo), dove il 70% del personale è stato ricollocato.

Fonte: ANSA
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabriano: manifestazione unitaria dei lavoratori Indesit

AnconaToday è in caricamento