Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca

Nelle scuole marchigiane mancano 131 insegnanti, i sindacati: «Classi sovraffollate»

Secondo i dati dei sindacati di Ancona e Marche mancano 131 docenti per le classi delle scuole dell'intera regione. Ora le sigle sindacali denunciano quella che sembra essere ormai una situazione insostenibile e parlano di sovraffollamento delle classi

Classi sovraffollate, situazioni critiche a Loreto, Civitanova, Ascoli e Sassocorvaro. A rischio i corsi serali, i licei musicali e l'insegnamento in carcere
I tagli sul sistema scolastico marchigiano? Molto pesanti se il ministero non ci riconoscerà i 131 posti che sono invece incardinati sul nostro organico di diritto e che da due anni il ministero insiste per non riconoscerci nelle tabelle ufficiali. Il diritto allo studio nella nostra regione ne uscirà fortemente compromesso... Altro che buona scuola!" Lo denunciano con forza le Manuela Carloni (Flc-Cgil), Anna Bartolini (Cisl Scuola), Claudia Mazzucchelli (Uil Scuola) e Paola Martano (Snals Confsal).

"Siamo riusciti fino ad oggi ad evitare che nelle scuole dell'infanzia e primaria si producessero situazioni insostenibili anche se avremmo avuto bisogno di posti aggiuntivi, per esempio, per soddisfare la richiesta delle famiglie di maggiore tempo pieno nella primaria e nella scuola dell'infanzia (dove abbiamo ancora, purtroppo più di 100 sezioni antimeridiane non richieste dai genitori). Nella scuola secondaria di primo grado la situazione, ormai definita, è fortemente compromessa: ad oggi ben 46 classi "pollaio" hanno più di 26 alunni per classe e di queste ben 34 con alunno diversamente abile, situazione illegittima. Per sanarla e sdoppiare queste classi ci vorrebbero almeno 60 posti. Malgrado le ripetute richieste di mantenimento dell’ organico di diritto il Ministero ha formalmente risposto che “la richiesta in argomento non può essere accolta” pertanto sarà la scuola secondaria di secondo grado, nonostante l’aumento di alunni, a subire la decurtazione maggiore di posti, tutto ciò determinerà un aumento del numero di alunni per classe, anche in presenza di disabili (Alberghiero di Loreto – classi prime, media di 25 alunni con 3 alunni diversamente abili per classe; ITAS Mazzocchi di Ascoli piceno – classi prime, media di 30 alunni con 2 alunni diversamente abili per classe; IS Leonardo da Vinci di Civitanova Marche - classi prime, media di 30 alunni per classe; Omnicomprensivo di Sassocorvaro - classe prima, 30 alunni con 4 alunni diversamente abili), gravemente ipotecati i percorsi serali, la scuola in carcere, i licei musicali.

Tutto questo, se non risolto in fretta, produrrà forte disagio per gli studenti e per i lavoratori, disagio che può facilmente essere evitato ridandoci quello che ci aspetta. Questi sono i fatti, da qui bisogna dimostrare che davvero si intende lavorare per una buona scuola. Per questo motivo ci dissociamo dalle scelte degli uffici scolastici provinciali e regionale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nelle scuole marchigiane mancano 131 insegnanti, i sindacati: «Classi sovraffollate»

AnconaToday è in caricamento