Jesi: malore improvviso, operaio stroncato davanti alla machinetta del caffè

Un malore improvviso e fatale, che in un attimo ha portato via la vita a Massimo Avaltroni, operaio 40enne della CNH di Jesi. Sotto choc i colleghi, che conoscevano Massimo da sempre

Un malore improvviso e fatale, che in un attimo ha portato via la vita a Massimo Avaltroni, operaio 40enne della Fiat New Holland di Jesi. Il malore alle 16.15, poco prima della fine del suo turno – che sarebbe terminato alle 17: Avaltroni si è accasciato alla machinetta del caffè, e purtroppo a nulla sono valsi i tentativi di soccorso da parte dei colleghi e degli addetti all' unità sanitaria dell'azienda. Anche l’eliambulanza si è alzata in volo da Torrette per raggiungere lo stabilimento nel minor tempo possibile, ma purtroppo per Massimo non c’era nulla da fare, il cuore non si è più ripreso.

Grande cordoglio fra i colleghi, che conoscevano Massimo da sempre, e suo padre prima di lui, anche lui lavoratore alla CNH.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento