La corsa del bagnino-arbitro: «Così abbiamo salvato quel bimbo»

Un’anestesista e un’infermiera in vacanza, il padre del piccolo e i bagnini hanno salvato il piccolo da morte certa. In quella squadra di angeli c’era anche un giovane arbitro 

Simone Brocchini

Non è stato lui a tuffarsi in acqua per portare a riva il bambino 5 anni che aveva perso i sensi nello specchio d’acqua davanti alla spiaggia di Marcelli. Non è neppure stato lui a praticare le manovre salvavita che hanno strappato il piccolo alla morte, ma i polmoni e il fiato di Simone Brocchini hanno giocato un ruolo importante nelle operazioni di salvataggio. 19anni, studente universitario, bagnino di terra d’estate e arbitro degli juniores regionali d’inverno. 

Alle 11,30 di domenica scorsa c’era anche lui nel posto e al momento giusto: «Il mio lavoro è quello di accompagnare i clienti agli ombrelloni ma in quel momento una signora mi ha chiamato dicendo che un bambino stava male». Simone non ci ha pensato due volte e con lo stesso scatto che avvia sul campo da calcio ha raggiunto i bagnini di salvataggio per avvisarli di quello che stava accadendo: «Mentre correvo? Ho cercato solo di restare il più lucido possibile ma i bagnini erano già stati allertati, forse tramite le radio trasmittenti con cui lavorano, e stavano già andando sul posto». I polmoni di Simone però non avevano finito il compito. Il 19enne si è precipitato sulla litoranea ed è stato lui a portare gli operatori del 118 sul bagnasciuga dove Claudia Galmozzi, anestesista in una struttura milanese e in vacanza a Numana, aveva strappato il piccolo alla morte praticando le manovre di rianimazione con l’aiuto di un’infermiera. «Il bambino l’ho visto per un attimo, era cosciente poi è arrivata tanta gente insieme ai soccorritori, non sono riuscito più a vedere nulla e sono tornato al mio lavoro. Spero che il bimbo stia bene».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo le ricostruzioni il piccolo era entrato in acqua insieme al papà quando, forse a causa di un’onda che gli ha fatto ingurgitare l’acqua, ha perso i sensi. E’ stato proprio il genitore a chiamare aiuto mentre lo portava in braccio verso riva. L’appello è stato raccolto dagli altri bagnanti e dai bagnini di salvataggio che sono intervenuti tempestivamente insieme agli operatori sanitari in vacanza. Tra quegli angeli, che hanno lavorato di squadra senza neppure conoscersi, c’era anche Simone: «Sono contento di aver potuto dare una mano anche se oggettivamente c’è stata gente che ha fatto più di quello che ho fatto io».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Ladri scatenati, scappano con oro e Rolex: i residenti scendono in strada armati

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento