Magistratura democratica a confronto sul processo da remoto: interviene Sergio Sottani

L'incontro e' organizzato da Magistratura democratica, grazie al supporto della piattaforma Microsoft team

Sergio Sottani

Il Processo da remoto governato dalle nuove tecnologie della comunicazione, e' il titolo del dibattito che sarà affrontato da 250 magistrati italiani che si riuniranno, in via telematica giovedì 30 aprile a partire dalle 16. L'incontro e' organizzato da Magistratura democratica, grazie al supporto della piattaforma Microsoft team. Il tema è stato scelto per offrire un confronto nazionale sull'attualità del tema legato all'amministrazione della giustizia durante la crisi Covid-19, da quando, per contrastare ogni possibilità di diffusione del contagio, anche i tribunali hanno sperimentato le udienze virtuali, svolte con la partecipazione di giudici, avvocati, e imputati in collegamento telematico. I magistrati metteranno a confronto le loro esperienze in un incontro nazionale coordinato dal pubblico ministero della Procura di Reggio Calabria Stefano Musolino. Piergiorgio Morosini del Tribunale di Palermo ed Elisabetta Canevini del Tribunale di Milano affronteranno il tema delle udienze da remoto nel processo penale. Gaetano Ruta della Procura della Repubblica di Milano parlerà delle esperienze di virtualizzazione del processo negli altri Paesi. Adriano Scuderi della Procura di Milano e Stefano Pesci della Procura di Roma affronteranno le questioni relative alla digitalizzazione dei fascicoli processuali. Pasquale Liccardo del Tribunale di Modena ed Ernico Consolandi del Tribunale di Brescia discuteranno dei diversi sistemi oggi a disposizione per implementare il processo da remoto, come sceglierli, con quali standard di sicurezza. Tra gli interventi già programmati quelli di Claudio Castelli della Corte d'Appello di Brescia, Elisabetta Cesqui della Procura generale Corte di Cassazione, Sergio Sottani della Procura generale di Ancona e Lucia Lotti della Procura di Roma.

La discussione sul processo da remoto, promossa da Magistratura democratica, proseguirà venerdì 8 maggio e sarà dedicata al Processo civile. Anche in questo incontro verranno esaminate le esperienze di numerosi uffici di giustizia civile italiani, dalla trattazione dell'udienza alle procedure di conciliazione tra le parti. "La tecnologia pone oggi alla giurisdizione sfide complesse", così la segretaria generale di Magistratura democratica Mariarosa che aggiunge: "il confronto e' essenziale per essere pronti a raccogliere queste sfide: non disperdere le esperienze positive, investire su soluzioni innovative per un recupero di efficienza e qualità del nostro lavoro, con la consapevolezza del modo in cui possono incidere sulla giurisdizione e i suoi valori, sulla cultura del giudice, e sul suo modo di approcciare il lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento