Omicidio di Collemarino, Luca Giustini non era sotto effetto di sostanze

Luca Giustini, il 35 di Collemarino che ha ucciso la sua bambina di appena un anno e mezzo, non aveva assunto sostanze prima di quel giorno e non era sotto effetto di sostanze mentre commetteva l'efferato delitto

Luca Gisutini

Alla fine  sono arrivati anche gli ultimi risultati, quelli della perizia tossicologica, che conferma come Luca Giustini, quel 17 agosto 2014, non solo non era sotto effetto di sostanze, ma non lo era stato neppure in un passato prossimo. Le analisi arrivate al pm Andrea Laurino non lasciano spazio a dubbi perchè, in queste settimane, sono stati effettuati tutti i test possibili immaginabili: da quelli del sangue e urine a quelli più complessi sul cuoio capelluto. Niente. Giustini, il 35enne che ha massacrato la sua bambina di appena 18 mesi, era pulito al momento quando ha sferrato 30 coltellate sul corpicino della sua piccola.

Questa significa una sola cosa: l'uomo era solo ed esclusivamente in preda ai propri deliri mistici, quelli che gli facevano sentire le voci. Quelli di una mente malata, affetta da una grave personalità dissociata, al punto da non poter essere processato. Infatti è stata proprio la pubblica accusa a chiedere la custodia di Giustini in un Opg (Ospedale psichiatrico giudiziario) di Reggio Emilia, dove poi è stato di fatto trasferito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo la parte civile ha avviato tutte le pratiche legali per la separazione dall'imputato e ha chiesto una risarcimento danni di 2 milioni. Il tutto mentre un'agenzia immobiliare si è già occupata di rimettere sul mercato l'appartamento di via Patrizi 1. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Contagi nelle Marche, trend in aumento: ad Ascoli si fanno più tamponi

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

Torna su
AnconaToday è in caricamento