L'arcobaleno per le vie del centro, la città si prepara al Love Pride

Il corteo sarà anticipato e seguito da una serie di eventi musicali con l’obiettivo di celebrare l’amore tra omosessuali e non solo. Aspettando un vero e proprio Gay Pride

Foto di repertorio

Su Ancona sventola la bandiera arcobaleno. Il prossimo 1 luglio il centro ospiterà il Love Pride, la marcia pacifica per celebrare l’amore gay, transgender ma non solo. Il corteo, promosso e organizzato da associazioni e gruppi informali come “Love is Love Ancona”, “Csa Asilo Politico”, “Libera Ancona” e “Arci Ancona” e si snoderà per le vie della città ma gli organizzatori sono chiari: «Non chiamatelo Gay Pride - spiega Giovanni Purpura, dirigente Arci Ancona- la differenza sta nel fatto che nel Gay Pride si reclamano diritti e si festeggiano quelli ottenuti mentre nel caso del Love Pride noi vogliamo solo celebrare e festeggiare l’amore a 360 gradi come ad esempio quello tra disabili ma anche quello tra bisessuali o asessuali che viene particolarmente stigmatizzato». Le associazioni sperano tuttavia che il sogno di realizzare un vero e proprio Gay Pride nel capoluogo marchigiano possa uscire dal cassetto già nel 2019: «Ci stiamo muovendo anche per un vero e proprio Gay Pride ad Ancona, nelle Marche non c’è e il capoluogo sarebbe il posto più opportuno- prosegue Purpura- la rete di associazioni sta spingendo perché questo avvenga, si stanno accorgendo che c’è interesse. Ci auguriamo per l’anno prossimo di avere serate e celebrazioni come quella del 1 luglio insieme a un vero e proprio pride che possa combaciare con quelli che ci sono in tutto il mese di giugno. Parlo di manifestazioni più strutturate, come nel caso di Roma e lo faccio con questa sicurezza perché vedo risposte positive dalle associazioni marchigiane e soprattutto da quelle anconetane».

Prima però c’è il 1 luglio. Il Love Pride sarà una marcia pacifica tra le vie del centro. Ritrovo previsto a piazza Cavour alle 16,30 e mezz’ora dopo via al corteo in direzione del Faro del Cardeto percorrendo Corso Garibaldi, piazza della Repubblica, Piazza del Plebiscito, Ingresso di Villarey con arrivo previsto al faro intorno alle 19. Al corteo seguirà una serata musicale al bar del Faro. Tutto sarà anticipato dall’ Internazionale Trash Ribelle, serata musicale al Lazzabaretto con musica Trash degli anni ’70, ’80 e ’90. «Il Love Pride, così come un eventuale Gay Pride ad Ancona, prende le distanze dagli schieramenti partitici - spiega Giovanni Purpura – se vogliono essere presenti siamo contenti ma ci teniamo a fare in modo che soprattutto l’evento del 1 luglio non venga fatto suo da parte di nessuna forza politica». Il rappresentante dell’Arci conclude con un focus proprio su Ancona: «Non ci sono forti discriminazioni da questo punto di vista, ma neppure grosse virtù. Gli omosessuali possono vivere pubblicamente il loro amore in modo tranquillo e rilassato, qui non si vive il disagio che c’è in una grande città e non c’è il clima del paesino che sparla. O meglio, se lo si fa viene nascosto bene- commenta Purpura- dall’altra parte però non è una città che brilla per attivismo e se questo dipende da un’indolenza innata dell’anconetano oppure perché non c’è un particolare bisogno di riunirsi, questo non lo so». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento