menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Tentò di abusare di due bambini in piscina, operaio condannato

La Corte d'Appello ha confermato la sentenza di primo grado: il 49enne durante i giochi in acqua avrebbe allungato le mani sui minorenni che hanno raccontato tutto ai genitori

Tentò degli approcci sessuali con due bambini in piscina: dopo la condanna in primo grado, è arrivata la sentenza della Corte d’Appello che ha confermato 4 anni di reclusione per il 49enne operaio di Loreto.

I fatti risalgono al 2016 quando l’uomo frequentava un impianto sportivo della città mariana. Gli abusi sarebbero avvenuti in due situazioni diverse. La prima volta ad ottobre, all’interno di una vasca idromassaggio in cui l’uomo si era immerso per un po’ di relax dopo una nuotata: qui avrebbe allungato le mani su un bambino che all’epoca aveva 13 anni e su una bambina di 11 e avrebbe spinto entrambi ad accarezzargli le parti intime. A novembre avrebbe tentato un nuovo approccio sessuale con lo stesso bambino, mentre simulava un gioco sott’acqua.

I piccoli si erano poi confidati, una con la maestra, l’altro con la mamma. I genitori dei due minorenni hanno denunciato l'uomo e si sono costituiti parte civile. Nonostante il 49enne si sia sempre dichiarato innocente, respingendo le accuse e sostenendo che sono stati i due bambini ad ingigantire le cose, è stato condannato anche in Appello a 4 anni, dopo aver impugnato la sentenza di primo grado.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, un contagio a scuola: due classi in quarantena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento