Addio a Livia Pergoli: repubblicana e memoria storica della resistenza

Figlia di Piero Pergoli, cui è intitolato il centro culturale di Falconara, la donna aveva 93 anni. Una vita dedicata al mantenimento della memoria e alla conservazione della Storia

Da sinistra Goffredo Brandoni insieme a Livia Pergoli

Si è spenta nella notte Livia Pergoli, figura storica della Resistenza marchigiana e figlia di Piero Pergoli, a cui è dedicato il Centro culturale di piazza Mazzini. La donna aveva 93 anni. Già staffetta partigiana durante la Resistenza, al fianco del padre Piero, a sua volta repubblicano mazziniano, perseguitato dai fascisti e leader della Resistenza falconarese, la Pergoli ha sempre mantenuto negli anni un impegno attivo nella divulgazione della storia. In passato era stata presidente dell’Istituto per la Storia del Movimento Democratico e Repubblicano nelle Marche. Numerose le partecipazioni alle manifestazioni celebrative della Resistenza. Nel 2006 aveva anche presieduto la giuria del premio "25 Aprile" indetto dall'amministrazione comunale e aperto agli studenti delle scuole medie e superiori cittadine. Farmacista, nel 1952 aveva preso in gestione la farmacia Nazionale agli Archi di Ancona e sposato il collega Mario Dubbini, deceduto nel 2014. Entrambe le figlie Lucilla e Milvia, a tutt'oggi, gestiscono le farmacie degli Archi e di corso Amendola ad Ancona.

La salma sarà esposta proprio al Centro Pergoli di Falconara. La camera ardente resterà aperta da domani (mercoledì 5 ottobre) dalle 9 ale 18.30 e giovedì 6 ottobre dalle 9 alle 10.30. Subito dopo, il funerale che sarà celebrato in forma privata. Un desiderio della famiglia che il sindaco Goffredo Brandoni ha accolto senza esitazioni. Il primo cittadino falconarese, anche lui di famiglia repubblicana, è molto legato ai Pergoli. «Ho conosciuto Livia Pergoli da sindaco – racconta Brandoni - ma nel nostro primo incontro lei mi ha raccontato di tante serate passate con il padre e mio padre. I nostri genitori si conoscevano bene. È stata molto contenta quando qualche anno fa l'ho raggiunta con una telefonata per raccontarle che girando in un magazzino comunale avevo ritrovato il busto che raffigura Piero Pergoli. Era finito in un angolo. Le ho annunciato che lo avrei posizionato al centro della nostra città proprio in palazzo Pergoli in piazza Mazzini dove è attualmente. In questi anni ci siamo spesso sentiti e visti qualche volta, sono stata trovarla anche ultimamente nella farmacia della figlia in via Marconi ad Ancona per farle gli auguri di Natale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

Torna su
AnconaToday è in caricamento