«Mandate via la mamma da casa mia», lite sedata dai Carabinieri

Furibonda litigata tra madre e figlia, residente a Falconara. La prima era ospite dell'altra per un breve periodo ma la convivenza non ha funzionato e così la figlia ha chiamato i Carabinieri che sono intervenuti

Urla nella notte che provengono da un'abitazione del centro. Vicini preoccupati e sul punto di allertare le forze dell'ordine che però vengono anticipati dalla padrona dell'appartamento in questione, una 25enne somala. Motivo? Problemi di convivenza con la madre. Dissidi che nella notte tra mercoledì 20 e giovedì 21 hanno innescato un furibondo litigio tra le due. Alla fine la ragazza ha preso il telefono e chiamato i carabinieri. «Non voglio più mia madre dentro questa casa» avrebbe detto loro. Sul posto è stata mandata una gazzella. Gli uomini della Tenenza, guidata dal comandante Roberto Frittelli, hanno cercato di riportare la calma tra le due donne. Si è capito che la figlia stava ospitando la genitrice, che vive all'estero, per un breve periodo. La convivenza però non  ha funzionato. Per cercare di riportare la calma è intervenuto anche il padre della 25enne (che vive per conto proprio in un'altra abitazione). Alla fine gli animi si sono rasserenati.

Terminato l'intervento i militari dell'Arma sono dovuti intervenire per sedare anche un'altra lite in casa. In questo secondo caso la contesa – per fortuna solo verbale – era tra il proprietario di un appertamento e il suo inquilino sotto sfratto per nulla intenzionato a lasciare l'abitazione.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento