Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Falconara: Cittadini in Comune contro i parcheggi della stazione

La Lista: “Valgono di più 350 mq ombreggiati da alberi e arbusti oppure 350 mq di asfalto bollente per far parcheggiare 15 automobili per solo 2 mesi estivi?”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

“Valgono di più 350 mq ombreggiati da alberi e arbusti oppure 350 mq di asfalto bollente per far parcheggiare 15 automobili per solo 2 mesi estivi?
Opinioni, dirà qualcuno, eppure quando la scelta non riguarda un privato cittadino ma l’Amministrazione Comunale essa ha il valore di scelta politica ed economica pubblica, che riguarda tutti i cittadini.

Intanto, dalle cifre comunicate dal Vicesindaco Rossi, (tolti i 2 necessari alle ambulanze) ognuno di quei 15 stalli costerà oltre 1000 € l’uno e per recuperare la spesa dovranno trascorrere almeno 4 estati. Non è poco!
Ma quei 15 posti ricavati in maniera apparentemente improvvisata vanno inquadrati nel piano del Sindaco Brandoni e dell’Assessore Astolfi di concedere per 25 anni la gestione di tutti i parcheggi a pagamento di Falconara alla Società che costruirà il multipiano alla stazione ferroviaria, anch’esso di proporzioni megalomani!

Dimensioni tanto esagerate che  per rientrare dall’investimento alla Società proponente dovrà essere garantito l’incasso 25ennale di tutti i parcheggi di Falconara aspetto che avrà una pesante ricaduta sull’interesse pubblico: la viabilità di Falconara si ritroverà ingessata ed inamovibile per 25 anni proprio per garantire un profitto privato!

Ecco che allora per il trio Brandoni/Astolfi/Rossi sradicare quei 350 mq di vegetazione ha un valore puramente economico che cancella il valore d’uso finora svolto per i cittadini lì residenti: trattenimento di una parte delle polveri metalliche della ferrovia e di una parte di quelle prodotte dal traffico automobilistico, parziale schermo – esteticamente gradevole -  tra le abitazioni di via Flaminia e la ferrovia!
Il Vicesindaco Rossi, per giustificare l’attitudine da Unno, si è affrettato a farci sapere che in quello spazio sono state trovate delle siringhe, argomentazione che lo indurrebbe a radere al suolo metà delle aree verdi!

In realtà, lo ribadiamo, il sacrificio di quella storica macchia di alberi e arbusti è la conseguenza di una politica della viabilità e dei parcheggi disastrosa che invece di riprendere in mano l’intera faccenda e programmarla negli anni, la affida agli appetiti imprenditoriali che, in questo caso, nulla hanno a che fare con l’interesse pubblico.
E quando Cittadini in Comune parla di riprendere in mano la questione parcheggi, intende far rientrare nella cassa comunale anche quegli oltre 100.000 € all’anno attualmente lasciati alla Società di gestione dei parcheggi a pagamento, superare le rigidità dell’affidamento in gestione e poter modulare il costo orario, poter programmare quanti stalli servono senza costruire inutili cubi di cemento armato!”

Staff della Lista Civile Cittadini in Comune
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falconara: Cittadini in Comune contro i parcheggi della stazione

AnconaToday è in caricamento