Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Osimo: il Lions incontra la Lega del Filo d’Oro

Quando nel lontano 1964 Sabina Santilli diede impulso al suo sogno di far uscire dall'isolamento i sordociechi fondando la benemerita Associazione del Filo d'Oro, era sorretta dalla convinzione "Si può"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Quando nel lontano 1964 Sabina Santilli diede impulso al suo sogno di far uscire dall'isolamento i sordociechi fondando la benemerita Associazione del Filo d'Oro, era sorretta dalla convinzione "Si può". Certamente Lei non poteva immaginare che nel 2013 il Presidente Internazionale dei Lions Barry J. Palmer avrebbe coniato il motto "Follow Your Dream" "Inseguite i vostri sogni !"E così per seguire da vicino la realizzazione di quel sogno il Lions Club di Osimo ha invitato nella sua sede il Segretario Generale della Lega Rossano Bartoli. La sera del 4 settembre la Presidente Clara Cannata gli ha dato il benvenuto a nome dei soci, invitandolo a tracciare la storia della benemerita Associazione. Dopo aver ricordato i numerosi interventi di sostegno che il Lions locale ed internazionale ha promosso in favore della Lega, Bartoli, servendosi di slides, ha raccontato la storia della meravigliosa sfida lanciata dalla Santilli e dal giovane Dino Marabini, co-fondatore della Lega. Sono passati 49 anni da quando è nata l'Associazione e "quel filo prezioso" continua a dipanarsi dedicandosi all'assistenza, all'educazione, alla riabilitazione e al reinserimento nella famiglia e nella società di bambini, giovani e adulti pluriminorati e psicosensoriali. Nel 1967, l'Istituto "Nostra Casa" ha iniziato il suo cammino in frazione San Biagio, dove i pochi operatori si prendevano cura dei primi quattro bambini con l'intento di far godere loro la vita come ciascuno di essi poteva fare. Dopo gli anni pionieristici e il riconoscimento del Ministero della Sanità come Istituto di riabilitazione sperimentale, ha inizio l'attività della Comunità Kalorama. Nel 1968, dopo la frequenza di alcuni insegnanti osimani ad un corso di specializzazione in Olanda sull'educazione dei bambini pluriminorati, l'Istituto si trasferisce a Santo Stefano, dove è dato anche alloggio ai genitori degli assistiti. Classificata come Onlus nel 1998, la Lega ha oggi oltre 500 dipendenti e si avvale di personale altamente qualificato tra operatori specializzati, medici, psicologi e assistenti sociali e nel 2012 hanno ricevuto assistenza 682 persone sordocieche. Può contare inoltre su 450 volontari e del supporto di 450 mila sostenitori attivi, comunica inoltre con spot pubblicitari offerti generosamente da personaggi famosi. La Lega opera ora in cinque regioni e ha sedi territoriali a Roma e a Napoli, può contare sul sostegno di vari Enti Nazionali, sul Ministero Pubblica Istruzione e sulle donazioni benefiche, tuttavia le richieste sono in aumento e quindi bisogna potenziare la comunicazione e la raccolta fondi.

Il sogno di Sabina Santilli è a buon punto ma verrà pienamente realizzato quando in Via Linguetta sorgerà la Sede Nazionale di Osimo, come Polo di alta specializzazione riunendo così tutti i servizi. Il Lions Club ringrazia il Dott. Bartoli per la sua "appassionata "relazione e porge un sentito augurio alla Lega che il 20 dicembre 2014 festeggerà il suo 50esimo.

Rossana Giorgetti Pesaro
Addetto Stampa LC.Osimo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Osimo: il Lions incontra la Lega del Filo d’Oro

AnconaToday è in caricamento