Like Tourism 2016, oltre 200 le presenze per l'evento dedicato al turismo

Ad aprire la discussione l'organizzatore Guido Guidi, Presidente del Consorzio Marche Maraviglia, che ha ringraziato partecipanti, relatori e partner tra cui Monte dei Paschi di Siena

Le immagini della presentazione

Oltre 200 presenze registrate complessivamente nella prima giornata di Like Tourism. Oggi (lunedì),  l'avvio sulla Macroregione Adriatico-Ionica e l'incontro con i buyer europei. L'evento formativo dedicato al turismo si è aperto ieri mattina all'Hotel Excelsior La Fonte di Portonovo con la sessione plenaria in cui si è parlato di come ricostruire una destinazione Marche dopo gli eventi drammatici del terremoto.

Ad aprire la discussione l'organizzatore Guido Guidi, Presidente del Consorzio Marche Maraviglia, che ha ringraziato partecipanti, relatori e partner tra cui Monte dei Paschi di Siena che ha preso parte attivamente alle sessioni formative. Poi i saluti istituzionali dell'assessore al turismo del Comune di Ancona Paolo Marasca e dell'assessore al turismo della Regione Marche Moreno Pieroni. «Occorre pensare al futuro – ha spiegato Bruno Bertero,  Direttore Marketing Turismo Friuli Venezia Giulia – e per poterlo fare si deve poter prevenire certi scenari. Gestire una crisi non è facile, e bisogna essere preparati e veloci nel momento in cui si crea un'emergenza. Il marketing e la comunicazione di un territorio deve saper far fronte ad una crisi d'immagine, e i tempi devono essere istantanei». «Ho ancora negli occhi l'immagine dei tanti studenti che lasciavano la città di Camerino, in preda alla paura e all'incertezza – racconta il Rettore Unicam, Flavio Corradini – la nostra Università ha settecento anni di storia, e chissà quanti altri terremoti ha subito. Quello che è accaduto ci mette di fronte ad una sola scelta: ovvero quella di ricominciare e andare avanti». La giornata è poi proseguita con gli speech formativi nelle tre macroaree tematiche: “Gestione e Controllo”, “Sales & Web Marketing” e “Pianeta Accoglienza”.

Ed è con la giornata di oggi che Like Tourism entra nel clou prima della chiusura ufficiale dei lavori. E con il workshop pomeridiano con gli oltre 40 tour operator europei l'evento aggiunge un importante tassello nel lungo percorso legato alla cultura d'impresa turistica. “Macroregione: una nuova destinazione?”. E' questo il titolo della sessione plenaria di questa mattina che introduce l'ultima giornata di Like Tourism. La discussione verterà su un tema molto importante: individuare nella Macroregione Adriatico-Ionica una destinazione turistica su cui puntare a livello di prodotto da commercializzare. E soprattutto in virtù del fatto che le Marche, Ancona in primis grazie all’Autorità Portuale del Medio Adriatico, ne sono uno snodo centrale di forte rappresentanza. A partire dalle ore 9 si alterneranno gli interventi di figure di spessore, quali: Riccardo Strano (Strategia macroregione Adriatico-Ionica e Cooperazione Territoriale Europea), Alessandra Priante (International Relations Manager), Massimiliano Polacco (Direttore Confcommercio Marche Centrali). Il moderatore: Carlo Pesaresi. Seguiranno i consueti speech formativi e alle 15 l'incontro B2B con i buyer dei maggiori tour operator europei dell'area macroregionale (Francia, Belgio, Svezia, Germania, Bulgaria, Polonia, Italia, Regno Unito, Austria,  Paesi Bassi). Una sessione in cui i partecipanti avranno la possibilità di relazionarsi direttamente con realtà internazionali di assoluto livello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento