Cronaca Centro storico / Piazza della Repubblica

LETTORI. Quei parcheggi riservati davanti alle Muse

Un lettore ci segnala la comparsa di nuovi parcheggi in piazza della Repubblica, riservati al TAR: una tentazione molto forte per l'automobilista di passaggio che deve fermarsi "due minuti"

Riceviamo e pubblichiamo:

"Gentile Redazione,

l'altro giorno ho notato che in piazza della Repubblica, la nostra piazza del Teatro, sono spuntati due nuovi posti auto, con strisce di colore giallo...la curiosità m'ha portato a verificare se fossero, come poteva sembrare opportuno, posti per invalidi, ma così non era, infatti nella segnaletica verticale c'era la scritta posti riservati al TAR (tribunale amministrativo regionale).

Allora la domanda m'è sorta spontanea...era proprio necessario creare due posti per il TAR in una zona della piazza dove non è permesso parcheggiare con le auto, fuorché nella zona riservata ai Taxi?

Anche perché la presenza di 2 parcheggi nuovi, sicuramente attirerà lo stazionamento, al loro fianco, di autovetture che momentaneamente si fermano per sbrigare veloci interessi personali; e inoltre mi chiedo che motivo ha il TAR (e chi ne usufruirà dei posti) di avere questi posti auto? Forse perché nella zona dove è presente, cioè Via della Loggia, non vi sono posti auto?

Mi preme sottolineare poi come il TAR abbia già riservati 3 posti auto nella vicina via Sottomare.

Beh, allora mi sembra doveroso che il Comune riservi agli impiegati del TAR o a chi usufruisce di questi posti lo stesso trattamento di qualsiasi persona che lavora in centro e non ha posti riservati, ma usufruisce dei mezzi pubblici o paga regolarmente il parcheggio; senza permettere che spuntino come funghi nuovi posti auto in zone giustamente prive di parcheggi, oppure che vengano convertiti posti auto blu (quindi a pagamento o per i residenti) in posti gialli a loro riservati.

Cordiali Saluti

Davide Barigelli"

 






 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LETTORI. Quei parcheggi riservati davanti alle Muse

AnconaToday è in caricamento