rotate-mobile
Cronaca Genga

Lite per l'eredità tra fratelli, lo picchia con un bastone dopo averlo investito con l'auto: condannato

Condannato un 69enne per lesioni aggravate. Il fratello malmenato era stato soccorso dall'eliambulanza e portato a Torrette

GENGA - Secondo l’accusa aveva investito con l'auto e picchiato con un bastone di 75 centimetri il fratello. La lite era scattata per motivi economici e, in particolare, per alcuni dissidi che si erano creati a causa di un’eredità contesa. Poi la situazione era degenerata. Questo accadeva il 25 agosto del 2020. Il giudice Paola Moscaroli ieri ha condannato il fratello aggressore a otto mesi per lesioni aggravate.

La vittima, 65enne gengarino, si è costituita parte civile con l’avvocato Ruggero Benvenuto. Il risarcimento del danno è ancora da decidere e verrà quantificato in sede civile. Il fratello imputato 69enne era difeso dai legali Fabio Grugnaletti e Raffaella Busini. L'aggressore, nel corso del processo, si era difeso dicendo che suo fratello l'aveva in qualche modo provocato. Quella sera del 2020 erano stati i figli dei due contendenti a chiamare i soccorsi. Sul posto erano intervenuti i carabinieri di Fabriano e il 118 con l'elicottero insieme all'ambulanza medicalizzata di Sassoferrato. Il fratello, aggredito ed investito con l'auto, era stato trasportato all'ospedale di Torrette in eliambulanza. I medici avevano stimato una prognosi guaribile in trenta giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite per l'eredità tra fratelli, lo picchia con un bastone dopo averlo investito con l'auto: condannato

AnconaToday è in caricamento