Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Ecomafia 2016, le Marche decima regione in Italia per illegalità ambientale

Le Marche si posizionano al decimo posto nella classifica delle illegalità ambientali. Tra i principali settore incriminati troviamo cemento, rifiuti ed animali

Una discarica

A poco più di un anno dall’approvazione della legge sugli ecoreati, crescono nelle Marche le illegalità a scapito dell’ambiente. Infatti, se nel 2014 sono stati 767 gli ecoreati constatati in regione, nel 2015 le infrazioni accertate salgono a 839, vale a dire oltre 2 reati ai danni dell’ambiente al giorno.
Sono i primi numeri legati alle Marche del rapporto Ecomafia 2016 di Legambiente, le storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia, edito da Edizioni Ambiente con il sostegno di Cobat, presentato oggi in Senato a Roma. Le Marche, con il 3,1% delle infrazioni sul totale nazionale, si posiziona al decimo posto nella classifica delle illegalità ambientali con 764 denunce, 5 arresti e 189 sequestri registrati nel 2015. Ciclo del cemento, rifiuti, animali, incendi, agroalimentare e archeomafia sono i principali settori della criminalità ambientale.

 
«Anche quest’anno il Rapporto Ecomafia - dichiara Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche – ci racconta quella brutta pagina del nostro Paese che non vorremmo mai scrivere. Purtroppo, dopo l’introduzione dei delitti contro l’ambiente nel Codice penale, nelle Marche sono aumentati i numeri degli illeciti ai danni dell’ambiente. Oltre due reati al giorni che pesano sul futuro del nostro territorio e che dobbiamo con forza contrastare, insieme alle associazioni che si occupano di legalità e di difesa dell’ambiente e con le forze dell’ordine che ogni giorno si adoperano per combattere la criminalità. Una inversione di tendenza che è necessaria per rendere le Marche più forti e competitive. Per fare questo, siamo convinti che l’ingresso dei ecoreati nel codice penale, anche se arrivato dopo 21 anni, sia solo l’inizio di una nuova fase in cui è fondamentale fare formazione e informazione tra cittadini, istituzioni e imprese, per dare speranza e generare nuova consapevolezza su questo tema così centrale per il nostro territorio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecomafia 2016, le Marche decima regione in Italia per illegalità ambientale

AnconaToday è in caricamento