Lega del filo d’oro, iniziano i soggiorni estivi per le persone sordocieche e famiglie

Al via ai soggiorni estivi tanto attesi dalle persone sordocieche e dalle loro famiglie, organizzati dalla Lega del Filo D'Oro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Non una semplice occasione di svago e divertimento, ma un momento concreto di crescita e di esperienza attraverso visite guidate, mercatini settimanali, fattorie didattiche, laboratori artigianali, giochi, mare e passeggiate: sono queste alcune delle attività svolte nei soggiorni estivi dai sordociechi e pluriminorati psicosensoriali della Lega del Filo d'Oro.

"I soggiorni nazionali - ha spiegato Rossano Bartoli, Segretario Generale della Lega del Filo d'Oro - rappresentano una delle attività storiche dell'Associazione. Avviati fin dall'anno della fondazione nel 1964, sono stati un'occasione privilegiata di unione e socializzazione che permette alle persone sordocieche di incontrarsi tra loro, di conoscere nuovi posti, di uscire dall'isolamento, acquisendo maggiore autonomia. In questi oltre 50 anni sono stati più di mille i volontari che vi hanno preso parte e senza i quali tutto questo non sarebbe stato possibile".

Quattro i soggiorni previsti per l'estate 2015: due soggiorni di una settimana ciascuno dal 13 al 20 e dal 21 al 27 giugno a Porto San Giorgio (FM), un soggiorno dal 19 luglio al 2 agosto a Misano Adriatico (RN) e un soggiorno dal 23 agosto al 6 settembre a Folgaria (TN). Realizzare i soggiorni estivi implica un notevole impegno sia per l'elevato numero di persone coinvolte, sia per la complessità degli aspetti organizzativi e logistici da considerare. I numeri dell'edizione 2015: 80 utenti sordociechi, 8 operatori specializzati, 80 volontari e 2 interpreti LIS.

Con più di 500 dipendenti, tra operatori specializzati, personale sanitario, psicologi, assistenti sociali ed oltre 600 volontari, la Lega del Filo d'Oro eroga i propri servizi nei Centri di Osimo (AN), sede nazionale dell'Ente, Lesmo (MB), Modena, Molfetta (BA) e Termini Imerese (PA) e nelle sedi territoriali di Roma e Napoli.

La sordocecità è una combinazione della perdita, totale o parziale, della vista e dell'udito che è di ostacolo o impedisce di svolgere le normali funzioni della vita quotidiana. Quando oltre al deficit visivo o uditivo sono presenti altre minorazioni (motorie, intellettive, danni neurologici, malformazioni scheletriche, ecc.) si ha la pluriminorazione psicosensoriale. Per maggiori informazioni visitare il sito www.legadelfilodoro.it.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento