Lavoro nelle Marche, il Covid picchia sul secondo trimestre: -56% di assunzioni

I contratti che registrano la maggiore perdita rispetto allo stesso periodo del 2019 sono quelli a termine

Foto di repertorio

ANCONA - L'emergenza sanitaria pesa sulle assunzione nelle Marche, con oltre il 56% di assunzioni in meno nel secondo trimestre. Secondo i dati dell'Osservatorio sul precariato dell'Inps, elaborati dall'Ires-Cgil, in nel periodo le aziende marchigiane hanno assunto 29.327 persone, il 56,2% in meno rispetto agli stessi mesi 2019 (-38 mila unità).

I contratti che registrano la maggiore perdita rispetto allo stesso periodo del 2019 sono quelli a termine: passano da 24.236 del 2019 a 9.461 del 2020 (-61%). Anche le assunzioni a tempo indeterminato subiscono un crollo (-54,5%): da 5.881 a 2.673. I contratti di apprendistato erano 3.530 l'anno scorso mentre quest'anno sono 1.256 (-64,4%) e i contratti stagionali segnano un -44,3% passando dai 12.143 del 2019 ai 6.766 del 2020. In netta diminuzione anche le assunzioni in somministrazione, che segnano un -62,2% e passano da 7.866 del 2019 a 2.942 del 2020. Infine, le assunzioni con contratto intermittente calano da 13.310 a 6.229. «La caduta della produzione industriale, del fatturato e del Pil anche nella nostra regione, è stata attutita anche grazie agli strumenti messi in campo dal Governo- spiega Giuseppe Santarelli della segreteria regionale Cgil- i lavoratori meno garantiti però hanno pagato duramente e sono venuti a galla tutti i limiti del sistema degli ammortizzatori sociali e tutela per chi ha perso un posto di lavoro. L'auspicio è che non ci sia una seconda ondata dell'epidemia perchè gli effetti potrebbero essere molto più forti sul piano dell'occupazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i settori economici e produttivi, quello delle attività professionali, scientifiche e tecniche vede una diminuzione di assunzioni pari al 62,2% (7.819 in meno), il settore manifatturiero, energia gas acqua e rifiuti segna un calo delle assunzioni pari al 59,9% (quasi 6.000 in meno), quello del commercio, turismo, alberghi, ristorazione è quello che più di tutti risente del calo (-18.000 assunzioni pari al 56,4%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento