Contro Novara perde la Lardini ma vince la solidarietà: raccolti oltre 2mila euro per Lollo

La raccolta fondi era stata ideata dagli amici più stretti del medico anconetano e lanciata sul sito salviamoLo.it

Il presidente Giovanni Morresi con gli amici di Lorenzo

La Lardini ci aveva provato, ma la Igor Gorgonzola ha proseguito il suo straordinario momento con un’altra prestazione di altissimo spessore, vincendo al PalaBaldinelli 3 set a 0 davanti ai 2.300 spettatori. Ma la patita vera, quella che si giocava sugli spalti, è stata vinta perché il pubblico ha risposto "presente" alla cihamata della solidrietà, cioè all’iniziativa della società Lardini Filottrano in favore di Lorenzo Farinelli, il medico anconetano malato di tumore e morto ieri dopo aver lanciato una racconta fondi per curarsi all’estero. Infatti dagli spalti, i tifosi hanno donato 2.100 euro, acquistando, ancor prima della fine del secondo set, tutti i biglietti disponibili per una lotteria che vedeva in palio le fotografie dell’associazione “La Notte” di Osimo e, come anche le padrone di casa, le maglie autografate della società novarese. Denaro che è stato poi trasferito tramite bonifico bancario al conto corrente intestato al padre di Lollo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo saluto a "Lollo", fissati i funerali

La raccolta fondi, ideata dagli amici più stretti del medico anconetano e lanciata sul sito salviamoLo.it attraverso la piattaforma GoFoundMe (www.gofundme.com/salviamolo), aveva permesso di raggiungere la considerevole cifra di oltre 500mila euro, a cui si sarebbero aggiunti anche tutte le donazioni ricevute attraverso le altre forme di pagamento. Un sogno, quello di partire per gli Stati Uniti, spezzatosi ieri quando il cuore di Lollo di è fermato mentre era a casa. Domani i funerali. Ma la causa per cui Lorenzo si è battuto non si ferma. Quel denaro, che avrebbe dovuto salvare la vita di Lollo, potrà salvare altre vite, attraverso il sostegno ad altri casi di malati di linfoma non-Hodgkin o alla ricerca scientifica sul protocollo sperimentale “Car-T”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento