rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca Torrette / Via Esino

Bulli choc, lanciano bottiglie e pezzi di cemento: sfondato un parabrezza

La proprietaria si è accorta e che ha chiamato immediatamente le forze dell'ordine ma nel frattempo è scattato il fuggi fuggi. Ha denunciato l'accaduto ai carabinieri

ANCONA – Ragazzini terribili ancora in azione. Questa volta l'episodio è accaduto a Torrette dove un gruppo di bulletti se l'è presa con le automobili parcheggiate vicino al palazzone viola di via Esino fracassando un parabrezza. È la brutta disavventura capitata oggi ad una donna di 36 anni mentre si trovava al lavoro all’interno di un’associazione che si trova proprio nel complesso commerciale di Torrette. «Con i miei colleghi sentiamo spesso i soliti ragazzini che WhatsApp Image 2022-03-29 at 20.22.38 (1)-2frequentano la zona urlare e bestemmiare. Questa mattina lanciavano anche delle bottiglie e pezzi di cemento. Quando mi sono affacciata per capire da dove provenisse quel baccano mi sono accorta che il parabrezza della mia automobile parcheggiata di sotto era spaccato. Avevano lanciato dal secondo piano degli oggetti che hanno colpito l'auto per poi finire a terra. Ho immediatamente chiamato il 112 e fatto denuncia ai carabinieri ma loro sono scappati». 

Allo spavento si aggiunge la rabbia di vedersi distruggere la macchina per un gioco stupido: «Trovo vergognoso che accadano fatti di assoluto degrado come questi, soprattutto in pieno giorno». Erano infatti appena passate le 13 quando ha scoperto l’auto con il parabrezza sfondato: «Completamente da cambiare, per fortuna ho l’assicurazione altrimenti sarebbero stati quattrocento euro da pagare». La 36enne non ha perso tempo e ha sporto denuncia contro ignoti ai carabinieri della Montagnola. Ha raccontato ai militari quello che ha visto: «Erano cinque o sei - prosegue - tra i 15 e i 20 anni. C’erano sia ragazzini di colore e anche italiani tra loro. Vediamo se si riusciranno a trovare i responsabili fatto sta che voglio anche avvisare il Comune dello stato di degrado in cui versa quel posto. Delle migliorie erano state apportate in passato, ma ora è tornato tutto come prima. Bisogna fare qualcosa lì ci sono bar, ristoranti e tante persone che girano. Ora sinceramente ho paura e non mi fido più a lasciare la macchina lì».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bulli choc, lanciano bottiglie e pezzi di cemento: sfondato un parabrezza

AnconaToday è in caricamento