Raid a Palazzo Camerata, assessorato sottosopra: lo choc dei dipendenti

I ladri sono entrati nella sede dell'assessorato alla Cultura e al Turismo. Sul posto la polizia

La polizia scientifica a Palazzo Camerata

Un raid che non ha risparmiato nessuno dei 6 piani di Palazzo Camerata per un bottino che, almeno secondo le prime verifiche, ammonta agli spicci di qualche distributore di bevande. I ladri che hanno fatto visita alla sede dell’assessorato alla Cultura e al Turismo hanno messo sottosopra tutti gli uffici di dipendenti e dirigenti. La lista delle stanze è lunga, tanto che stamattina la polizia scientifica e gli agenti delle volanti hanno vietato l’accesso ai piani a tutto il personale per il tempo strettamente necessario ai rilevamenti. Nel cinquecentesco palazzo di via Fanti si contano dunque cassetti divelti, armadi forzati e fogli a terra. Le porte in legno sono state forzate verosimilmente con degli attrezzi metallici. Scassinati i distributori di bevande e snack, tra cui quello del piano terra accanto al quale sono state trovate un paio di forbici dal manico blu che saranno analizzate dagli investigatori. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre a quantificare il bottino, la polizia sta cercando di capire anche come e quando sono entrati i malviventi. Non è escluso che possano aver usato addirittura la porta principale ieri sera, rimasta aperta fino a circa le 19 per garantire l’accesso al servizio biblioteca. Gli impiegati degli uffici ai piani superiori, generalmente, cessano le attività qualche ora prima e le stanze restano praticamente incustodite. Sulla vicenda è intervenuto l'assessore comunale alla Cultura Paolo Marasca: «Gli uffici pubblici sono, appunto, pubblici e quindi sottoposti ad alcuni rischi in più – ha detto l’assessore- ma negli uffici non si trovano oggetti di valore, questo è evidente, tutto si traduce in tempo perso, qualche danno e un comprensibile choc per le donne e gli uomini che lavorano in quelle stanze e le vivono, spesso, come pezzi della propria vita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

  • Party abusivo al porto, in consolle c'era pure il Dj: ora sono guai per il titolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento