menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Laboratori didattici, investimento della Regione: 3 milioni per adeguamenti post-Covid

La Regione Marche investe 3 milioni di euro del POR Marche Fondo sociale europeo per la qualificazione e l’ammodernamento dei laboratori didattici

La Regione Marche investe 3 milioni di euro del POR Marche Fondo sociale europeo per la qualificazione e l’ammodernamento dei laboratori didattici degli Istituti Statali di Istruzione Superiore di II grado, sia al fine di adeguarli alla didattica a distanza, necessaria in periodo di pandemia COVID- 19 sia per offrire agli studenti competenze nel l’utilizzo delle nuove forme di Smart Working. Lo ha deciso la giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Istruzione, al lavoro e alla Formazione Loretta Bravi. Adottate anche le linee di indirizzo per l’attuazione dell’intervento. «La pandemia da Covid-19 - spiega l’assessore Bravi - ha significativamente modificato l’operatività anche del sistema di istruzione, costretto, improvvisamente, a misurarsi con la didattica a distanza. In seguito all’emergenza, forte è stata la spinta verso l’innovazione digitale, già introdotta da Industria 4.0, ma ancora distante dalla messa a regime nel quadro delle metodologie didattiche. Anche in ambito educativo e formativo il distanziamento sociale appare oramai la “nuova normalità” imposta dalla convivenza con il virus che propone, però, due sfide piuttosto complesse:  la necessità di sviluppare un modello didattico con modalità e gestione sempre più simili a quelle del “lavoro agile”, che richiedono l’accesso e l’uso massivo di tecnologie digitali ed online, attraverso infrastrutture informatiche e la proiezione degli obiettivi formativi verso profili con forti competenze digitali sia in ambito office ma, anche e soprattutto, in ambito manifatturiero e produttivo. Occorrono quindi tecnologie e strumenti che consentano l’adozione di pratiche di distanziamento ed insieme la contemporanea generazione di competenze distintive, funzionali al nuovo contesto del mondo produttivo e di quello amministrativo, che si stanno sempre più avvalendo del digitale e della robotica. Per offrire ai giovani competenze realmente spendibili nel mondo del lavoro i laboratori didattici possono sicuramente svolgere un ruolo strategico. Risulta quindi opportuno, e di certo utile, intervenire per qualificarli ed ammodernarli in chiave digitale». 

L'intervento

L’intervento prevede un contributo, fino al 100% della spesa effettivamente sostenuta, rendicontata e ritenuta ammissibile alle provvidenze regionali, per attuare un processo di riqualificazione e di aggiornamento in chiave digitale e innovativa dei laboratori didattici/professionalizzanti già esistenti nelle Istituzioni statali d istruzione superiore di II grado per consentirne la proiezione verso l’utilizzo di tecnologie in grado di consentire la virtualizzazione dei laboratori, la condivisione degli spazi in modalità blended (aula + on-line), e la gestione a distanza delle postazioni di studio e sperimentazione. L’investimento può essere condiviso anche dagli ITS (Istituti Tecnici Superiori, Università, Istituti di Ricerca, al fine di qualificare la didattica e ottimizzare l’investimento.
Le spese ammissibili fanno riferimento, in particolare, a:

  • Datacenter, con le relative implicazioni di architetture di networking, cybersecurity e data management;
  •  Piattaforme di organizzazione e fruizione della conoscenza (LMS= learning management system);
  • Realizzazione di laboratori dedicati alle fabbriche intelligenti, all’economia digitale e alla prototipazione rapida;
  • Acquisizione di strumentazioni di robotica mobile, di robotica collaborativa e per le nuove formedi interazione uomo-macchina (HMI);
  • Piattaforme in grado sia di rendere virtualmente fruibili gli spazi di studio e le strutture laboratoriali, sia di portare nell’esperienza degli studenti stimoli e strumenti per affrontare le nuove professioni digitali:
  •  Realtà Aumentata per potenziare l’esperienza umana in contesti complessi (manutenzione a distanza, formazione, commercio, fruizione beni culturali, ecc.);
  • Realtà Virtuale per la progettazione, l’addestramento e la simulazione;
  • Digital Twin (duplicazione digitale) per lo studio e la progettazione dei sistemi di manifattura e di processo;
  • Internet of Things, con le sue applicazioni nella manutenzione predittiva, la sicurezza sul lavoro, la guida autonoma, ecc.;
  • Ambienti simulativi, per supportare la capacità di ideazione prodotto, progettazione ed ingegnerizzazione;
  • Gestione e formazione a distanza delle risorse umane;
  • Tecniche di commercializzazione e di gestione delle relazioni a distanza.

In altri termini, le spese ammissibili fanno riferimento all’acquisizione, di attrezzature e apparecchiature; materiali e strumenti di laboratorio; materiali di consumo per le esercitazioni; servizi tecnici e consulenze. Sono beneficiari dell’intervento le Istituzioni scolastiche statali di istruzione superiore di II Grado con sede legale e operativa nelle Marche. Gli Istituti scolastici individuati possono proporre l’investimento in forma singola o associata; in quest’ultimo caso, andrà prevista la formalizzazione dell’Associazione attraverso la costituzione di ATI/ATS prima di avviare l’intervento. Possono partecipare anche le Fondazioni ITS (Istruzione Tecnica Superiore), le Università, gli Istituti di ricerca se in ATI con istituti scolastici. I destinatari sono gli studenti che frequentano gli Istituti di istruzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento