rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca

La droga viaggiava dalla Spagna all'Italia, corriere portava cocaina ed hashish in tutta la riviera

Il gruppo di 5 persone è finito nella rete della Guardia di Finanza, sono sospettati di aver creato una rete che riforniva di stupefacenti il centro Italia

La Guardia di Finanza di Perugia ha stroncato un traffico internazionale di stupefacenti che, dalla Spagna, arrivavano nel capoluogo umbro per poi essere smistate nel centro Italia e principalmente sulla riviera adriatica. Sono state 5 le custodie cautelari firmate dal gip nei confronti dei componenti della banda tra cui un un uomo residente ad Ancona, il quale è stato disposto l'obbligo di firma, così come un altro italiano residente nella provincia di Pesaro-Urbino. Secondo gli inquirenti, che nel corso dell'inchiesta hanno documentato i movimenti dell'uomo, la sua figura era quella del corriere che si occupava di rifornire la provincia di Rimini di cocaina e hashish. Un gruppo consolidato il cui presunto capo avrebbe la “personalità di chi è dedito al traffico illecito di sostanze stupefacenti in modo prevalente ed esclusivo con modalità che denotano un’inclinazione a delinquere fortemente accentuata”. In un’agenda gialla gli appunti che confermerebbero tanto la fiorente attività di traffico di sostanze stupefacenti, quanto i rapporti gerarchici e di collaborazione del presunto sodalizio.

Al vertice del gruppo un marocchino residente a Umbertide che, in base alle indagini, sarebbe il fulcro dell’organizzazione. In base all’attività investigativa svolta dal nucleo di polizia giudiziaria e dal Goa della Guardia di finanza, fatta anche di intercettazioni e rilevamenti via gps, l’uomo avrebbe consolidati canali di approvvigionamento di cocaina e hashish dalla Spagna e dal Lazio. I carichi sarebbero stati poi tenuti nascosti in zone boschive e aree di campagna impervie per essere recuperati all’occorrenza e rifornire le piazze di spaccio. Per quest'ultimo sono scattate le manette mentre per un secondo nordafricano, residente a Città di Castello, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Infine obbligo di firma anche per un 49enne campano ma residente a Misano Adriatico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La droga viaggiava dalla Spagna all'Italia, corriere portava cocaina ed hashish in tutta la riviera

AnconaToday è in caricamento