Kum festival: l'edizione di ottobre alla Mole quest'anno è dedicata alla "cura"

La kermesse si terrà dal 16 al 18 ottobre. Una riflessione necessaria alla Mole Vanvitelliana sul virus che ha cambiato improvvisamente la vita di tutti

KUM! Festival dedica l’intera edizione 2020 a "La Cura" che segue il “trauma senza precedenti” che stiamo attraversando. «Un virus sconosciuto ha mietuto vittime senza numero, ci ha costretto a un drammatico lockdown», scrivono nella presentazione il Direttore scientifico Massimo Recalcati e il Coordinatore scientifico Federico Leoni. «Ha messo a durissima prova la nostra esistenza, la nostra società, la nostra economia. Ma altrettanto difficile è la ripresa della vita dopo il trauma. Una ripresa urgente ma incerta. Una ripresa che procede in uno scenario di incognite, affidata a soluzioni fragili e parziali». KUM!, il festival della “cura” che si svolgerà alla Mole Vanvitelliana di Ancona dal 16 al 18 ottobre 2020, si occuperà quindi di ripensare questo doppio trauma, l’interruzione della vita e la ripresa della vita. «Per ottobre - assicura l’assessore alla cultura di Ancona Paolo Marasca - ci stiamo attrezzando al fine di realizzare il festival secondo quelle che saranno le prescrizioni, con un piano scalabile che va dal live alla Mole alla soluzione da remoto, a seconda della normativa prossima, che spero arrivi tempestivamente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Il tema inizialmente previsto “La Vita, alla Fine”, naturale prosecuzione del discorso iniziato nel 2019 con “L’Origine della Vita” è quindi rimandato al 2021, come sottolinea il Direttore scientifico nel video di presentazione diffuso sui canali social del Festival. Perché oggi è questo «il compito delicato e necessario che ci attende - concludono Federico Leoni e Massimo Recalcati - perché un trauma che resta impensato è un trauma che rischia di ripetersi, di migrare silenzioso attraverso gli spazi della vita psichica e collettiva, di irrompere ancora e ancora, sotto spoglie imprevedibili e catastrofiche».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

Torna su
AnconaToday è in caricamento