Cronaca

Jesi, servizio Whatsapp: nella prima settimana registrati 1200 cittadini

Il nuovo servizio si attiva memorizzando nella rubrica del proprio telefono il numero 335 7152219 ed inviando poi un messaggio Whatsapp allo stesso numero con la dicitura “Jesi On”. Le informazioni

JESI - Ad appena una settimana dal lancio ufficiale, sono già 1200 i cittadini che si sono iscritti al servizio Whatsapp del Comune di Jesi che permette di essere aggiornati in tempo reale su notizie di protezione civile, allerte meteo, disservizi temporanei (es. chiusura scuole, strade, ecc.), eventi ed informazioni di pubblico interesse.

L'applicazione Whatsapp, che è oggi tra le più diffuse tra gli utenti della telefonia mobile, è stata scelta dall'Amministrazione comunale per implementare la propria rete di trasmissione di informazioni che già coinvolge i consueti canali media  (quotidiani, periodici, radio e tv), il web (rete civica, newsletter, youtube), i social network (facebook e twitter) e che presto sarà ampliata anche con una App dedicata.

Insomma un Comune 2.0 a tutti gli effetti nella comunicazione che vuole sfruttare al meglio le potenzialità delle tecnologie moderne per garantire velocità di informazioni e capillarità. Il nuovo servizio Whatsapp si attiva memorizzando nella rubrica del proprio telefono il numero 335 7152219 ed inviando poi un messaggio Whatsapp allo stesso numero con la dicitura “Jesi On”. Entro le 48 ore successive l'utente riceverà la conferma dell'avvenuta iscrizione alla lista, predisposta in modalità broadcast dove nessun iscritto potrà vedere i contatti presenti e dove ciascun numero resterà anonimo nel pieno rispetto della privacy.

Obiettivo dell'Amministrazione comunale è quello di avere tra i contatti almeno un soggetto per ogni nucleo familiare, così da poter raggiungere immediatamente gran parte della popolazione, specialmente quando si tratta di fornire informazioni relative a situazioni di particolare criticità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jesi, servizio Whatsapp: nella prima settimana registrati 1200 cittadini

AnconaToday è in caricamento