Cronaca

A Jesi i maxi schermi, il sindaco: «L'unico Comune autorizzato, ma stiamoci con la testa»

La Prefettura ha autorizzato la proiezione della partita nella città natale dell'allenatore della nazionale Roberto Mancini. Il perché lo spiega il sindaco Bacci

Maxischermi al Pala Triccoli

A poche ore dalla finale europea l'entusiasmo è alle stelle. C'è grande attesa per la performance azzurra, in particolare si respira un'aria particolare a Jesi, città natale del Ct azzurro Roberto Mancini. Per l'occasione il sindaco della città Massimo Bacci ha pubblicato un post pochi minuti fa: «Siamo l'unico Comune a cui la Prefettura di Ancona ha autorizzato i maxischermi - scrive il Primo cittadino - Merito dei nostri tecnici nel predisporre i piani di sicurezza e, ovviamente, del fatto che Jesi è la città natale di Roberto Mancini. Ma, ragazzi, non si scherza con la pandemia. Dunque, tifiamo Italia fino all'ultimo, ma stiamoci con la testa. Daje Mancio! Forza Azzurri!».

Dunque via libera alla proiezione del match all'esterno dal Pala Triccoli, alla parrocchia di San Sebastiano, passando per il Prato dov'è nato e cresciuto Mancini fino alla piazza della Repubblica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Jesi i maxi schermi, il sindaco: «L'unico Comune autorizzato, ma stiamoci con la testa»

AnconaToday è in caricamento