Ospedale e soggetti fragili, la raccolta fondi della Di Francisca: «Arrivati quasi 80mila euro»

È il messaggio dell’olimpionica Elisa Di Francisca, presidente della Fondazione costituita da Comune di Jesi e Azienda Servizi alla Persona, che ha comunicato la nuova cifra raggiunta al 30 aprile

Elisa Di Francisca (foto Facebook)

«Voglio ringraziare le tante persone, associazioni ed aziende che hanno già contribuito e quanti ancora vorranno contribuire alla raccolta fondi per la terapia intensiva del Carlo Urbani e per le persone più fragili sostenuta dalla Fondazione di Comunità Vallesina Aiuta - Onlus». È il messaggio dell’olimpionica Elisa Di Francisca, presidente della Fondazione costituita da Comune di Jesi e Azienda Servizi alla Persona, che ha comunicato la nuova cifra raggiunta al 30 aprile: 76.702,14 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La raccolta fondi - continua la Di Francisca - sta andando al di la delle nostre più rosee aspettative. Jesi e la Vallesina hanno davvero un grande cuore. La Fondazione ha già provveduto all’ordine di acquisto di un sistema tomografico ad impedenza elettrica per il monitoraggio della funzionalità polmonare per la somma di 30.500 euro per la terapia intensiva dell’ospedale di Jesi. Adesso ci stiamo adoperando per l’acquisto di mascherine FFP2 da mettere a disposizione sia del personale sanitario dell’ospedale che di quello socio-sanitario che opera nelle strutture protette e a domicilio dei soggetti più fragili come i diversamente abili e gli anziani che hanno maggiore esigenza di sostegno in questo momento e che spesso trovano proprio negli operatori l’unico contatto umano».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento