Jesi: acquisti con carte rubate o clonate, la polizia è sulle tracce di una coppia

Le segnalazioni sono già due: quella di un negozio di abbigliamento all'interno del centro commerciale "Arcobaleno" e una profumeria del centro

La polizia di Jesi è sulle tracce di una coppia, un uomo e una donna, che sta effettuando acquisti nei negozio della zona con carte di credito rubate o clonate. A riportare la notizia è il Messaggero. Le segnalazioni sono già due: quella di un negozio di abbigliamento all’interno del centro commerciale “Arcobaleno”  e una profumeria del centro.

Nel primo caso i due avrebbero usato una carta di credito rubata a Ravenna, comprando vestiti per circa 70 euro, mentre nella profumeria l’acquisto è stato di una cinquantina di euro con una carta risultata clonata ad un professionista di Bologna (che a Jesi non ha mai messo piede e si è subito accorto del crimine).
Secondo gli inquirenti potrebbero però esserci anche altri acquisti illeciti non ancora venuti alla luce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento