menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jesi, ottimo successo per "Carciofiamo": l'evento diventerà un appuntamento fisso

un evento di prestigio, volto a valorizzare appieno il "carciofo precoce di Jesi" ed in grado di richiamare il grande pubblico con degustazioni ed approfondimenti

JESI - Il consigliere delegato Giancarlo Catani proporrà alla Consulta del Turismo di fare di “Carciofiamo” un appuntamento annuale, con tanto di stand nelle piazze del centro storico ed un coinvolgimento ancora maggiore di produttori e operatori economici.

Insomma, un evento di prestigio, volto a valorizzare appieno il “carciofo precoce di Jesi” ed in grado di richiamare il grande pubblico con degustazioni, approfondimenti, incontri tecnici e momenti di festa ed aggregazione. «Il successo della manifestazione dello scorso fine settimana - ha sottolineato Catani - è stato evidente. Ed era una sorta di numero zero rispetto alla quale gli iniziali auspici della Consulta sono stati tradotti concretamente dall'ottimo lavoro svolto dalla condotta Slow Food Castelli di Jesi. Tutti hanno concordato sull'opportunità che “Carciofiamo” diventi una manifestazione di riferimento per la città, con la presenza di stand di vario genere. Il carciofo è un prodotto che può andar bene dall'aperitivo al dolce e dunque le possibilità di utilizzo in cucina sono infinite. E la sua piena valorizzazione consente di dare impulso all'intera filiera. Per questo credo che su questo progetto Cjpo e produttori, insieme alla condotta Slow Food, alle associazioni di categoria del commercio, agli operatori di bar, ristoranti e pubblici esercizi della città possano costruire insieme qualcosa di importante rispetto alla quale il Comune di Jesi darà pieno e totale sostegno».

Pensiero condiviso dal segretario della Condotta Slow Food Castelli di Jesi, Luca Celli, che ha aggiunto: «Importante che Carciofiamo possa essere inserito stabilmente all'interno della programmazione degli eventi del Comune di Jesi, siamo pronti a fare la nostra parte per confermare l'attenzione sugli aspetti agronomici, enogastronomici e culturali».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento