menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'edificio San Martino

L'edificio San Martino

Jesi, "l'autorecupero" al San Martino vince il bando regionale

Il progetto di edilizia residenziale mediante "autorecupero" all'interno dell'edificio San Martino è entrato in graduatoria nel bando regionale e dunque ammesso a finanziamento. A darne notizia la Regione Marche

Il progetto di edilizia residenziale mediante “autorecupero” all'interno dell'edificio San Martino è entrato in graduatoria nel bando regionale e dunque ammesso a finanziamento. Nel darne notizia la Regione Marche ha rimandato ad un successivo provvedimento la comunicazione dell'importo che sarà destinato a questo intervento. 

Viene dunque premiato un progetto su cui l'Amministrazione comunale ha puntato con coraggio ed impegno, permettendo di coniugare due aspetti: il recupero della porzione arte di un importante edificio in centro da troppo tempo inutilizzato e l'opportunità di permettere a più famiglie di avere una casa di proprietà a prezzi controllati.   

L'iniziativa, come noto, aveva trovato subito ampio consenso in città, tanto che oltre 50 erano state le domande pervenute da parte di famiglie interessate all'iniziativa. L'intervento proposto dal Comune, come noto, si basa su un progetto che prevede la realizzazione di 18 alloggi distribuiti sull'ala dell'edificio che si affaccia in via Pastrengo e che dovrà essere interamente ristrutturata. Potevano partecipare all'acquisto in autorecupero i cittadini che avevano un reddito Isee non superiore ai 40 mila euro circa. Il beneficio dell'acquisto di un alloggio in autorecupero consiste nell'abbattimento del costo finale sia per il contributo regionale a fondo perduto, sia per l'onere  dell'acquirente di prestare ore lavorative per la manodopera volta alla ristrutturazione dell'edificio che andranno a scalare sul prezzo finale dell'alloggio prescelto. Tali ore lavorative potranno essere prestate sia dal soggetto beneficiario che da un suo coadiuvante fino al 3° grado di parentela.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ancona millenaria va in tv: la storia della "dorica" in prima serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento