Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca Pinocchio / Via del Fornetto

Da Posatora al Piano, inseguimento da paura nella notte: arrestato sospetto ladro

Il sospetto non solo aveva rubato l'auto, ma le aveva anche sostituito l’intero cruscotto e la centralina per piazzarla dopo il colpo. Sì, perché gli agenti sono certi che il 44enne si stesse preparando per un furto in villa

Pechini - Capocasa e gli agenti che hanno effettuato l'arresto

Inseguimento da brividi in piena notte da Posatora al Piano, avanti e indietro alla folle velocità di 100 Km orari, fino a quando gli agenti di Polizia non lo hanno costretto ad abbandonare l’auto per poi stanarlo tra le palazzine di via Sassoferrato. Arrestato in nottata un cittadino bosniaco di 44 anni, con vari precedenti e in attesa di giudizio per concorso in associazione per delinquere finalizzata ai furti di auto e negli appartamenti. 

L’allarme è scattato in piena notte. Erano le 4:30 quando una coppia di agenti delle Squadre Volanti, guidati dal vice questore Cinzia Nicolini e il vice Fraco Pechini, hanno notato un’auto sospetta parcheggiata di fronte al cancello di una villetta di via del Fornetto. Quando la pantera si è avvicinata, l’auto è partita in quarta. Direzione Posatora. E’ così scattato l’inseguimento da paura alle costole della Volkswagen Golf che, solo per una casualità, non ha investito nessuno. Il sospetto è sfrecciato dentro Posatora, passando per via Montevettore, proseguendo per via Brodolini e sbucando in via Ascoli Piceno, arrivando al Piano dove ha sterzato per poi risalire via Scrima e tornare fino a Posatora, passando per piazzale Camerino. Mentre gli agenti avevano capito di avere a che fare con qualcuno che conosceva bene il territorio, il presunto ladro ha proseguito la sua corsa a manetta, dirigendosi di nuovo verso il Piano. Ma questa volta, da via Ascoli Piceno, ha deviato per via Pesaro, poi a destra per via Falconara e via Fabriano. Lì ha abbandonato l’auto, seguito dai poliziotti che, per un attimo, lo avevano perso di vista. Torce alla mano, l'intuito li ha portati a percorrere un passaggio pedonale che portava in via Sassoferrato. Proprio lì gli agenti hanno incontrato la collaborazione dei cittadini: un signore a passeggio col cane e una donna affacciata dalla finestra. Entrambi con il dito puntato vero un cespuglio. Senza scampo, l'uomo ha ingaggiato una colluttazione con i due poliziotti che, anche con l’uso della forza, sono riusciti a bloccarlo e portarlo in Questura. Ora il bosniaco è in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e fermato per la ricettazione dell’auto e il tentativo di riciclarla. Sì, perché il 44enne non solo aveva Contachilometri sostitutuito all'auto rubata-2rubatola Golf il giorno prima ad un 31enne di Fano, ma le aveva anche sostituito l’intero cruscotto con tanto di centralina nuova. Così da poterla guidare e ripiazzare sul mercato una volta effettuato il colpo. Gli investigatori non hanno dubbi sul fatto che il 44enne si stesse preparando per un colpo in villa ieri sera. Forse, stava studiando la situazione. Anche se nell’auto non sono stati trovati attrezzi per lo scasso o un eventuale furto. 

«Se gli agenti hanno la forza e la lucidità di entrare in azione alle 4:30 del mattino, a pochissimo dal cambio turno e con la stanchezza accumulata che è fisiologica, significa che il controllo del territorio c’è ed é espresso con serietà e senso di responsabilità» ha commentato il Questore Oreste Capocasa, complimentandosi col lavoro degli agenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Posatora al Piano, inseguimento da paura nella notte: arrestato sospetto ladro

AnconaToday è in caricamento