Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Castelplanio: ladro arrestato grazie a un vicino, aveva già colpito

I carabinieri sono intervenuti a seguito di una segnalazione di un cittadino, e hanno arrestato un "topo d'appartamento" che aveva già colpito in Vallesina. Restituita refurtiva al legittimo proprietario

Ieri sera alle 20.30 circa, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Jesi hanno arrestato in flagranza di reato M. G. L., disoccupato, pregiudicato, di 31 anni, italiano e residente a Jesi.
I militari sono stati allertati da una telefonata di un cittadino residente a Castelplanio, che ha visto un ladro fuggire su un tetto di un’abitazione poco distante da casa sua: i carabinieri si sono immediatamente portati nelle vicinanze e hanno visto una Fiat Punto allontanarsi dalla zona dove era stato richiesto l’intervento, la stessa auto già notata nei pressi di altri furti commessi in Vallesina nell’ultimo mese.
Subito è stato predisposto un posto di blocco, ma la Punto è riuscita a eludere la barriera, per cui tra i militari e il ladro è scattato un lungo inseguimento, conclusosi però a vantaggio degli uomini dell’arma.

Il successivo sopralluogo ha permesso di ricostruire il furto avvenuto presso l’abitazione di Castelplanio: il ladro, dopo aver infranto i vetri di una finestra posta al primo piano, si era introdotto nella camera da letto del proprietario razziando oro e gioielli. La refurtiva è stata recuperata e restituita al legittimo proprietario.
Bloccato dai carabinieri l’uomo non ha opposto resistenza e ha subito confessato di essere l’autore del furto in abitazione.

L’uomo è stato arrestato e sarà giudicato con rito direttissimo questa mattina, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Ancona.

I carabinieri di Jesi hanno sottolineato come “l’arresto sia avvenuto grazie alla segnalazione di un cittadino: la collaborazione della popolazione è fondamentale”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelplanio: ladro arrestato grazie a un vicino, aveva già colpito

AnconaToday è in caricamento