Cronaca

Castelplanio: Fosso delle Piagge inquinato da scarichi industriali

Le indagini erano partite dalle segnalazioni di alcuni cittadini, nelle quali si lamentava un odore nauseabondo proveniente dalle acque del Fosso delle Piagge, percepibile dalle 20,00 alle 21,00 durante i giorni feriali

Elevati valori di Escherichia coli, Azoto ammoniacale, Solidi sospesi, COD e BOD5 (parametri chimici per l’analisi dei liquami) sia nei campioni di acqua del fosso prelevati a valle dello scarico, sia in quelli di acqua reflua prelevati nel pozzetto d’ispezione dell’impianto di lavorazione delle carni: questo il risultato delle analisi eseguite dall’ARPAM sui campioni di acque, prelevati lo scorso mese di maggio, nel Fosso delle Piagge a Castelplanio, risultati inquinati dallo scarico di un’industria alimentare. I risultati sono stati trasmessi dal personale del Comando Stazione Forestale di Jesi alla Procura della Repubblica di Ancona.

Le relative indagini erano partite da alcune segnalazioni di privati cittadini, pervenute sia ai Forestali che all’Amministrazione provinciale, nelle quali si lamentava un odore nauseabondo proveniente dalle acque del Fosso delle Piagge, percepibile dalle 20,00 alle 21,00 durante i giorni feriali.

I Forestali, insieme al personale della Provincia di Ancona dell’Unità Operativa Controlli Ambientali, hanno predisposto un programma di appostamenti per il campionamento simultaneo delle acque immediatamente a monte e a valle del tratto, lungo circa 250 metri, in cui il fosso scorre, intubato sottoterra, parallelamente allo stabilimento di una Cooperativa agricola di lavorazione carni, in località “Borgo Loreto” di Castelplanio.

In effetti, durante un sopralluogo di metà maggio, alle ore 19,40 le acque del fosso si sono presentate chiare ed inodori, mentre dopo circa un’ora l’acqua in alveo, nel punto a valle dell’intubamento, ha assunto una colorazione scura, iniziando ad emanare un odore sgradevole. Sono stati quindi prelevati dei campioni simultanei sia su detto punto sia sul punto a monte dove, invece, l’acqua è rimasta sempre chiara ed inodore fino al momento in cui è stato lasciato il fosso.

Scarico Castelplanio 3-2Lo stesso fatto si è poi verificato anche in altre date, in cui i controllori nei luoghi di scarico delle acque reflue hanno constatato il riverificarsi del medesimo fenomeno, effettuando ulteriori campionamenti, anche all’interno dello stabilimento di lavorazione delle carni, soprattutto da una tubazione destinata ad immettere nel Fosso delle Piagge le sole acque meteoriche ma che, in quel momento, recapitava invece acque reflue industriali provenienti dal reparto “Appendimento” o anche “Sosta polli vivi”.

Dopo aver effettuato delle verifiche sulle autorizzazioni allo scarico e sul sistema fognario aziendale, accertando una commistione di linee di allontanamento dei reflui tramite l’immissione di fluoresceina, ed aver effettuato scatti per i referti fotografici, il personale intervenuto ha denunciato il titolare della cooperativa agricola, un 59enne di Jesi, per scarico di acque reflue industriali senza autorizzazione e danneggiamento di acque pubbliche, rimettendo un rapporto alla Procura della Repubblica di Ancona.

“I risultati delle analisi dei campioni delle acque, prelevati nel fosso delle Piagge” ha aggiunto il Comandante Provinciale del Corpo forestale dello Stato di Ancona, “hanno quindi confermato oggi l’ipotesi accusatoria di inquinamento, segnalata in precedenza alla Procura di Ancona”.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelplanio: Fosso delle Piagge inquinato da scarichi industriali

AnconaToday è in caricamento