menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Infermiere alla manifestazione smentito dai colleghi: «Sì, mie parole senza fondamento»

Aveva dichiarato che in ospedale bisognava «centellinare mascherine». Stamattina all’azienda: «Le mie parole non rispondono al vero». Si dissociano i colleghi di reparto

«Siamo costretti a centellinare mascherine, non possiamo neppure buttarle dopo l’uso, perché potremmo non avene un’altra da usare davanti al paziente successivo». Parole di Andrea Chitarroni, infermiere in emodinamica a Torrette, rilasciate durante la manifestazione di venerdì scorso davanti all’ospedale. Stamattina il dietrofront in una dichiarazione raccolta dall’Azienda Ospedali Riuniti. Da Chitarroni si è dissociato l’intero reparto di emodinamica: infermieri, tecnici di radiologia e personale di supporto, che con una relazione firmata dal coordinatore, ha invitato lo stesso infermiere a prendere le distanze da quelle parole ritenute «infondate, ingiustificate e attestanti il falso». Già nella stessa giornata di sabato l’azienda, per voce del direttore amministrativo Antonello Maraldo, aveva dichiarato di avere mascherine disponibili per tre mesi. 

Questa mattina lo stesso Chitarroni ha rilasciato quindi delle dichiarazioni ufficiali all’azienda: «Le dichiarazioni riguardo le dotazioni di d.p.i. del mio reparto fatte da me nel contesto dell’assemblea sindacale svoltasi in data 13/11/20 sono prive di fondamento e non rispondono al vero. Ho espresso in maniera del tutto impropria e senza alcun fondamento una questione che non si riferiva alla mancanza di d.p.i. nel mio reparto, dove non sono mai mancati, quanto alla dovuta, inevitabile, attenta e parsimoniosa gestione dei d.p.i. per far si di non ritrovarsi un giorno a non averne abbastanza, visto il continuo dilagare dell’emergenza pandemica. Sono profondamente dispiaciuto per l’accaduto, causato forse da uno stress psicofisico dovuto a mesi di lavoro impiegati nello svolgere al meglio il mio lavoro e contestualmente a proteggermi dal virus». 

L'infermiere denuncia: «Costretti a centellinare mascherine».

Il Direttore amministrativo: «Protezioni? Ne abbiamo per tre mesi».


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento