Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

L'architetto Tschumi incontra il sopraintendente Gizzi ad Ancona per A.N.I.M.A

L'opera, un grande centro polifunzionale, interesserà Grottammare ma avrà ripercussioni su tutte le Marche. Il Sopraintendente mette le mani avanti: l'opera dovrà convivere con alcuni aspetti del paesaggio

E' stato un incontro molto positivo che fan ben sperare nel superamento dei problemi riscontrati dalla Sopraintendenza per la realizzazione del progetto A.N.I.M.A (arti, natura, idee, musiche, azioni), incubatore culturale, auditurium e polo di attrazione del turismo culturale che dovrebbe realizzarsi a Grottammare. L'incontro di ieri pomeriggio ad Ancona tra il sopraintendente regionale delle Marche, Stefano Gizzi e Bernard Tschumi, uno dei più grandi architetti del nostro tempo e ideatore di A.N.I.M.A segna l'apertura di un dialogo. Per la prima volta si sono confrontati e hanno partecipato allo stesso tavolo tutti i soggetti coinvolti nel progetto quindi anche il sindaco di Grottammare Enrico Piergallini e il presidente della Fondazione Carisap Vincenzo Marini Marini.

La Fondazione ha deciso di investire 25 milioni di euro per rilanciare lo sviluppo del territorio. Il progetto ruota attorno ad una struttura polifunzionale che contempla al centro una grande sala con 1500 posti a sedere. Pensata per ospitare esposizioni artistiche, eno-gastronomiche, laboratori didattici, accogliere convegni e grandi appuntamenti di musica e spettacolo. Ma, dopo 31 passaggi burocratici, l'idea dell'architetto franco-svizzero rischia di essere bloccata in quanto, a parere della Sopraintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche, l'opera non si inserirebbe in maniera congrua in quel contesto, andando a celare alberature, ulivi e siepi, esistenti all'estremità della pianura.

«L'incontro è stato particolarmente positivo, come positivo il fatto che abbia riguardato non solo le caratteristiche di Anima ma anche il contesto generale e gli sviluppi futuri dell'area e di Grottammare. Secondo me c'è stato un problema di comunicazione. Oggi ci siamo incontrati, ci siamo confrontati e c'è stato un adeguato scambio di opinioni- afferma l'architetto Tschumi-. E’ un progetto molto importante per il turismo perché già d'estate vengono molte persone però non hanno un posto organizzato dove potersi incontrare, dove fare meeting, dove ci siano musica ed eventi. Anima fornirà questa struttura non solo per la città di Grottammare, ma per tutte le Marche».

«Adesso si tratta adesso di verificare come tutte queste istanze possano far convivere un'opera contemporanea di grande rilievo conservando allo stesso tempo alcuni aspetti del paesaggio. Si è aperto un dialogo su cui lavorare» spiega il sopraintendente Gizzi.

«Perdere un'opera del genere avrebbe significato perdere un'opportunità storica per il territorio. Un investimento di 25 milioni di euro e l'unica possibilità di far ripartire il lavoro a Grottamare. Un'occasione unica per il turismo della città, del Piceno e delle Marche» commenta il sindaco di Grottammare Piergallini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'architetto Tschumi incontra il sopraintendente Gizzi ad Ancona per A.N.I.M.A

AnconaToday è in caricamento