Massimo Bacci ricevuto dal presidente Malagò: «Coni custode dei valori dello sport»

All’incontro, oltre al sindaco Bacci e alla pluriolimpionica Valentina Vezzali, erano presenti anche gli assessori allo sport Ugo Coltorti e ai lavori pubblici Roberto Rennzi

“Jesi, città di campionesse e di campioni… con @VVezzali e il Sindaco Massimo Bacci per parlare di impiantistica sportiva a 360 gradi!”. Con questo tweet, corredato dalla foto che li ritrae insieme, il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere pubblico non solo l’incontro che si è tenuto ieri a Roma con gli amministratori della nostra città, ma anche il suo apprezzamento per quello che Jesi rappresenta nel panorama sportivo nazionale. All’incontro, oltre al sindaco Bacci e alla pluriolimpionica Valentina Vezzali, erano presenti anche gli assessori allo sport Ugo Coltorti e ai lavori pubblici Roberto Renzi. L’occasione ha permesso di illustrare al presidente del Coni le iniziative che si intendono sviluppare a Jesi per potenziare l’impiantistica e promuovere al meglio lo sport.

«Quando abbiamo ottenuto da Bruxelles il riconoscimento di Città europea dello Sport - ha evidenziato Massimo Bacci - abbiamo subito chiarito un fatto: non si trattava di un punto di arrivo, ma di una nuova base di partenza per permettere alle tante società sportive presenti sul territorio di poter operare al meglio. Percorso certamente impegnativo, perché quasi tutti gli impianti cittadini sono datati nel tempo, figli di quella straordinaria stagione guidata dal compianto assessore allo sport Leonello Rocchetti che ha permesso alla nostra città di essere all’avanguardia per strutture. Un percorso per lo sport, dunque, che non può ovviamente prescindere dal Coni, che ne è il naturale custode dei valori. Per questo ci ha fatto estremamente piacere presentare al presidente Malagò le iniziative che intendiamo portare avanti, tra cui anche il nuovo palascherma all’area ex Sadam, e le attività di formazione e promozione anche grazie al progetto europeo su sport ed inclusione sociale che ci è stato finanziato dall’Unione europea. Ci tenevamo a coinvolgerlo sia per ringraziarlo del fatto che è stato il primo presidente del Coni a venire a Jesi, tra l’altro per ben due volte negli ultimi anni, sia perché è un vero uomo di sport e dunque riesce a dare pieno merito e riconoscimento anche a quelle realtà di periferia che sanno valorizzare le varie discipline e coinvolgere attivamente i cittadini, non solo forgiando campioni, fatto per altro che riesce molto bene dalle nostre parti, ma garantendo un’ampia attività di base che coinvolge quasi la metà della popolazione. Ringrazio Valentina Vezzali che è stata al nostro fianco e che ha confermato il suo profondo legame con la nostra città».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento