rotate-mobile
Cronaca

Incidenti stradali nelle Marche: Ancona maglia nera per numero di sinistri, Macerata per morti

Nel 2021 si sono verificati nelle Marche 4.663 incidenti stradali che hanno causato la morte di 84 persone e il ferimento di altre 6.277. Aumentano numero di incidenti, vittime e feriti rispetto al 2020. E' il quadro che merge dall'ultimo focus dell'Istat

ANCONA - Il confronto tra il 2021 e il 2020 è poco indicativo, in quanto il 2020 è stato caratterizzato da lockdown e divieto di spostamenti. Quindi viene da sé che il numero di sinistri stradali è stato ridotto all’osso per ovvi motivi. Infatti con la ripresa della circolazione, nel 2021, gli indici sono tornati a salire. In ogni caso, dovendo prendere come riferimento le due annualità, rispetto al 2020, aumentano gli incidenti (+26,2%), le vittime della strada (+21,7%) e i feriti (+27,7%), in linea con quanto registrato a livello nazionale (+28,4% per gli incidenti, +20,0% per le vittime e +28,6% per i feriti).

Maglia nera

Nel capoluogo durante il 2021 si sono verificati 1.482 incidenti (numero più alto di tutta la regione), contro i 1.097 di Urbino, gli 884 di Macerata, i 705 di Ascoli Piceno e i 495 di Fermo. Ma è la provincia di Macerata che svetta per un triste primato: quello del numero di decessi provocati da incidenti. Sono stati infatti 25 i morti nelle strade nel 2021, contro i 13 dell’anno precedente. Per quanto riguarda i feriti, di nuovo la provincia dei Ancona sul podio al primo posto con 2.026 casi rispetto ai 1.539 del 2020. 

Gli impegni europei

I Programmi d’azione europei per la sicurezza stradale, riferiti ai decenni 2001-2010 e 2011-2020, impegnano i Paesi membri a conseguire il dimezzamento dei morti per incidente stradale. Per il nuovo decennio di iniziative 2021-2030, gli obiettivi europei sulla sicurezza stradale prevedono l’ulteriore dimezzamento del numero di vittime e di feriti gravi entro il 2030 rispetto all’anno di benchmark (fissato nel 2019) e il monitoraggio di specifici indicatori di prestazione, Key Performance Indicators, sui temi infrastrutture, veicoli, infrastrutture stradali, assistenza post-incidente, che l’Italia si prepara a fornire. Nel periodo 2001-2010 le vittime della strada si sono ridotte nelle Marche del 50,9%, più della media nazionale (-42,0%). Fra il 2010 e il 2021 si registrano variazioni, rispettivamente di -22,9% e -30,1%.  Nello stesso periodo l’indice di mortalità sul territorio regionale aumenta leggermente (da 1,6 a 1,8 deceduti ogni 100 incidenti) mentre quello nazionale non subisce variazioni (1,9 decessi ogni 100 incidenti).

I costi

Nel 2021 il costo dell’incidentalità stradale con lesioni alle persone è stimato in 16 miliardi e 400 milioni di euro per l’intero territorio nazionale (277 euro pro capite) e in oltre 493 milioni di euro (331 euro pro capite) per le Marche; la regione incide per il 3,0% sul totale nazionale. Nelle Marche  il 52,3% degli incidenti stradali è concentrato nei Poli urbani. Il 77,6% degli incidenti ha avuto luogo tra le 8 e le 20 ma l’indice di mortalità raggiunge i valori più elevati nelle fasce orarie tra le tre e le quattro del mattino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti stradali nelle Marche: Ancona maglia nera per numero di sinistri, Macerata per morti

AnconaToday è in caricamento