Jesi: investe una donna sulle strisce pedonali, l’accusa e scappa. Arrestato

Dopo l'investimento invece di soccorrere l'investita l'avrebbe invitata a rialzarsi, convinto che stesse fingendo, per poi lasciarla a terra e abbandonare il luogo dell'incidente. Rintracciato grazie ai testimoni

Jesi, viale della Vittoria

Investe una donna, l’accusa di stare “fingendo” e scappa. Ieri mattina, intorno alle ore 08.30, sul Viale della Vittoria di Jesi, nei pressi dell’incrocio con via Tornabrocco, una donna di 46 anni, C.Z., residente a Jesi, è stata investita sulle strisce pedonali da una Fiat Multipla condotta da un uomo che poi si è dato alla fuga senza prestare il dovuto soccorso. Secondo le testimonianze raccolte l’uomo inizialmente si sarebbe fermato, ma una volta sceso dalla macchina invece di soccorrere l’investita l’avrebbe invitata a rialzarsi, convinto che stesse fingendo, per poi lasciarla a terra e abbandonare il luogo dell’incidente.
La signora è stata immediatamente condotta al Pronto Soccorso grazie alla solerzia dei testimoni dell’accaduto, e ha riportato fratture multiple e traumi contusivi vari giudicati guaribili in 30 giorni.

I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Jesi, guidati dal Maresciallo Roberto Scarpone, hanno ricostruito l’incidente e, grazie alle testimonianze dei passanti, attorno alle 12 e 30 sono riusciti ad individuare l’investitore, un pensionato 70enne di Jesi che è stato arrestato dai carabinieri operanti per omissione di soccorso e fuga a seguito di incidente stradale, come previsto dalla legge.
L’Autorità Giudiziaria ne ha disposto gli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento