Falconara, era da poco diventato papà: travolto e ucciso in strada

L'uomo, diventato papà da pochi mesi, stava attraversando la strada sulle strisce pedonali quando in quel preciso istante è arrivata una macchina che lo ha preso in pieno. Gli operatori sanitari hanno tentato di rianimarlo ma senza riuscirci

Investimento a Falconara

Tragedia in via Marconi quando un’auto ha investito e ucciso un giovane papà: si tratta del 39enne Giuseppe Tozzi. L’uomo, diventato papà da soli 6 mesi, era stato a casa dei genitori in via Marconi, poi è sceso in strada per andare a riprendere la sua auto, parcheggiata in via Foscolo, a fianco al Consorzio Agrario, e ha attraversato le strisce pedonali. Proprio in quel momento è arrivata la Fiat Punto nera guidata da una donna. Non è ancora chiaro che cosa sia successo. Quel che è certo è che l'auto ha centrato in pieno il falconarese, travolgendolo, sbalzandolo sul marciapiede, per poi finire la sua corsa contro un albero al limite della carreggiata. 

Sul posto sono arrivati Polizia Stradale, Polizia Municipale e le ambulanze della Croce Gialla. Dall'ospedale di Torrette è stata fatta decollare anche l'automedica che è atterrata in mezzo a via Marconi. Ma sono stati inutili i tentativi di rianimarlo. Il cuore di Giuseppe Tozzi ha smesso di battere lì, sul ciglio della strada. Disperate la moglie e la madre dell'uomo, arrivate poco dopo sul luogo dell'incidente, mentre la donna alla guida dell'auto ha avuto un malore a seguito dello choc.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giuseppe Tozzi, nato e cresciuto a Falconara, era molto conosciuto anche per aver giocato tanti anni a calcio con la Falconarese, sempre con il ruolo di portiere prima con le giovanili e poi con la prima squadra. Aveva giocato anche con il Cral e ora proseguiva l'attività nel campionato Amatori. Appassionato di fotografia e da sempre affascinato dal mondo dell'aeronautica, lascia una moglie e il suo piccolo nato da pochissimi mesi. Ora sta gli alla Polizia Municipale capire che cosa possa essere successo di preciso in quel momento. C'è un testimone, uno scooter che era dietro alla Fiat Punto, che avrebbe detto di aver visto l'auto sbandare. Poi la tragedia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento