Era uscita dal lavoro, sbalzata dall’auto per diversi metri: lotta tra la vita e la morte

Ha perso il controllo della sua Fiat Panda, sbattendo contro un albero e rimbalzando sulla carreggiata. Ora la giovane donna si trova nel reparto di Rianimazione all'ospedale regionale di Torrette

L'auto dopo lo schianto

MAIOLATI SPONTINI - E' ricoverata in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Torrette la 35enne di Moie, rimasta coinvolta questa mattina in un terribile incidente stradale in via Cornacchia, poco distante dall'azienda di smaltimento rifiuti Sogenus.

LE MANOVRE DEI SOCCORRITORI - VIDEO

La giovane era da poco uscita dal lavoro quando, forse per l'asfalto viscido, ha perso il controllo della sua Fiat Panda, sbattendo prima contro un albero e poi contro un cavo in metallo che, dopo aver fatto da molla, l'ha fatta sbalzare dall'abitacolo e finire in un campo. Un impatto violentissimo con i soccorritori che l'hanno trovata a circa 5 metri dalla sua auto. Sul posto, oltre agli agenti della Polizia locale, atterrata anche l'eliambulanza, che però è rientrata senza carico visto che le condizioni della donna sembravano gravissime ed un trasporto in aereo troppo rischioso. A far temere i medici è stato un importante trauma cerebrale. L'ambulanza è quindi partita in direzione dell'ospedale "Carlo Urbani" di Jesi, quando a metà tragitto c'è stata una nuova decisione, quella di provare comunque il trasporto con Icaro al nosocomio di Torrette. La ragazza è arrivata ancora viva ed è stata subito ricoverata nel reparto di Rianimazione dove si trova attualmente in condizioni disperate. La 35enne lotta tra la vita e la morte.

SERVIZIO IN AGGIORNAMENTO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento