Incidente stradale a Filottrano: studentessa 21enne gravissima

L'auto è finita contro il muro del giardino di un'abitazione nei pressi dell'incrocio tra via Bartoluccio e via Villanova, andando ad impattare in maniera violenta contro i cassonetti. La ragazza si trova ora in coma

Grave incidente stradale alle 6 di domenica mattina a Filottrano: una Peugeot 207 condotta da una giovane di appena 21 anni, Stefania Papa, studentessa di lingue all’università di Macerata, è finita contro il muro del giardino di un'abitazione nei pressi dell'incrocio tra via Bartoluccio e via Villanova, andando ad impattare in maniera molto violenta contro i cassonetti. La ragazza si trova ora in coma al reparto di Rianimazione dell’ospedale regionale di Torrette e le sue condizioni sono molto gravi.

Secondo quanto riportato dalla stampa la ragazza stava rientrando a casa, in via San Giobbe, dopo aver trascorso la serata con un'amica ad Osimo: all’origine dell’incidente forse un colpo di sonno, che ha causato la perdita del controllo del veicolo, l’invasione della carreggiata opposta ed infine l’impatto. Il rumore del sinistro ha svegliato i proprietari della casa che hanno subito chiamato i soccorsi. La giovane era incastrata fra le lamiere e i Vigili del Fuoco hanno lavorato alacremente per 20 minuti per poterla liberare e consentire l’immediato trasporto in ospedale, dove è stata condotta con l’eliambulanza.

Sul posto anche i familiari, in questi drammatici e difficilissimi momenti tutti stretti assieme agli amici attorno alla giovane e amata studentessa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento