Incidente piattaforma Eni, rinviate le operazioni per il recupero della gru

Intanto la Procura di Ancona ha già aperto un fascicolo di inchiesta per omicidio colposo plurimo

Guardia Costiera durante le operazioni di recupero

Alle 5 di stamattina sono arrivati vicino alla costa 3 imbarcazioni: la Supply Vesel Aline B, la Nave Matma della Società Micoperi, con a bordo i tecnici della Guardia Costiera e il rimorchiatore Misa Primo della società di rimorchio Co.Rim.A., scortato da una motovedetta. Sono giunti a circa 12 miglia al largo del comune di Senigallia, zona in cui la profondità del mare è di circa 25 metri e, alle prime ore dell'alba, hanno avuto inizio i tentativi di recupero della rimanente parte della cabina e del braccio della gru che, l'altro giorno, si è staccata dalla piattaforma petrolifera dell'Eni Barbara F., uccidendo un operaio gruista: Egidio Benedetto, 63 anni di San Salvo (Provincia di Chieti).

Tentativi falliti infatti alle 15,30 circa è arrivato anche il Supply Vessel Fox della società Righetti Navi di Ravenna, equipaggiata con camera iperbarica, per consentire ai sommozzatori di effettuare le immersioni in sicurezza. Nulla da fare per il peggioramento delle condizioni meteo: mare forza 4 con onde di più di 2 metri e vento a 10 nodi da Est Sud Est. Condizioni proibitive per le immersioni e il relativo aggancio delle strutture di metallo. Dunque operazioni rinviate a domani mattina, intorno alle 6, quando si prevede un miglioramento delle condizioni meteo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto la Procura di Ancona ha già aperto un fascicolo di inchiesta per omicidio colposo plurimo. Il pm titolare dell'indagine Irene Adelaide Bilotta ha già posto sotto sequestro la porzione di gru sulla piattaforma, la parte di cabina recuperata e si procederà a porre i sigilli al resto dei relitti ancora in mare. L'ipotesi degli investigatori della Guardia Costiera di Ancona e  del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza è che la gru si sia spezzata dopo aver trovato una qualche resistenza durante il movimento del braccio meccanico che, al momento della tragedia, stava caricando sulla supply vessel una bombola di azoto. Possibile che nessuno si sia accordo che stesse succedendo qualcosa di anomalo durane quella manovra? Si indaga proprio sull'organizzazione e le modalità di esecuzione dei lavori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento