Tragedia della piattaforma, politica e sindacati: «Cordoglio, ma manca sicurezza»

I sindacati chiedono un incontro con l'azienda per chiarire la dinamica dei fatti

La piattaforma Barbara F

L’incidente alla piattaforma Eni è finito in tragedia per Egidio Benedetto e con il passare delle ore arrivano le reazioni della politica mentre i sindacati chiedono un incontro urgente con l'azienda per chiarire dinamica e responsabilità dei fatti. A commentare quanto accaduto al largo di Ancona è il Presidente del consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo che, dopo le condoglianze alla famiglia del gruista deceduto e l’augurio di pronta guarigione agli operai feriti, segnala gli ancora troppi incidenti sul lavoro: «La sicurezza va garantita ad ogni livello e sostenuta attraverso azioni forti e concrete, ora andranno percorse tutte le strade possibili per accertare le responsabilità». Sulla vicenda è intervenuto anche il consigliere regionale della Lega, Sandro Zaffiri: «L'incidente occorso questa mattina alla piattaforma Eni a largo di Falconara è la riprova che servono più sicurezza, più controlli e più risorse nei luoghi di lavoro, siano essi grandi impianti, capannoni e sedi di imprese, siano essi laboratori e ambienti di lavoro di più modeste dimensioni».

I sindacati chiedono l'incontro

Reazioni anche dal mondo sindacale. I vertici nazionali di Filctem Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil hanno chiesto un incontro urgente all’Eni: “Un incidente molto grave le cui cause dovranno essere accertate con celerità vista la gravità e la particolarità dell’accaduto- si legge in una nota congiunta- chiediamo con urgenza un incontro per poter comprendere e verificare tempestivamente l’esatta dinamica e le relative responsabilità”. Vicinanza alle famiglie coinvolte da parte della Femca Cisl con una nota della Segreteria Nazionale: «Confidiamo in un rapido intervento delle autorità competenti per chiarire cause e modalità dell'accaduto», mentre la Filctem Cgil ha diffuso una nota del segretario Claudio Bettoni: «Verrà presto il tempo delle spiegazioni che dovranno chiarire le responsabilità per questa terribile tragedia. Noi saremo vigili e attenti, la sicurezza dei lavoratori ci riguarda in prima persona e su questo tema non si può arretrare». Paolo Capone, segretario generale Ugl, auspica un potenziamento dei controlli e sistemi di sicurezza: «E' possibile che per risvegliare le nostre coscienze in materia di sicurezza sul lavoro ci sia bisogno dell'ennesimo incidente? Lo scenario è preoccupante e necessita di maggiori tutele, perche' il settore marittimo include una schiera di personale qualificato che opera in mare in condizioni precarie». Cgil Ancona, Cisl e Uil Marche ricordano che l’incidente si somma ai 1.133 infortuni mortali avvenuti sul lavoro nel corso del 2018: «Troppo spesso vediamo, al di la' dello specifico caso, che i temi della sicurezza sono tanto ricordati quanto poco oggetto di applicazione- si legge nella nota- chiediamo, dunque, con forza, che venga garantita la sicurezza in tutti i luoghi di lavoro, per quanto particolari e difficili possano essere. Anche in quelli piu' impervi come quello accaduto oggi, in mare aperto». 


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento