menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Recupero in mare

Recupero in mare

Cadavere in mare, è una donna di 51 anni: si ipotizza un incidente

Francesca Spina era allontanata da casa il 17 dicembre e i familiari ne avevano denunciato la scomparsa. La morte è riconducibile alle ultime 24 ore

Si chiama Francesca Spina la 51enne anconetana trovata senza vita lunedì mattina poco dopo le 12.00, sotto via Panoramica, sugli scogli tra la grotta azzurra e la seggiola del Papa, a due passi dal Passetto. La donna si era allontanata da casa il 17 dicembre, tanto che i familiari ne avevano denunciato la scomparsa ai carabinieri, ma solo oggi è arrivata la triste notizia della sua morte. Il decesso, riconducibile alle utime 72 ore, sarebbe stato causato da una caduta sugli scogli. 

Le operazioni di recupero in mare 

A far scattare i soccorsi è stata una segnalazione arrivata al reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza che ha immediatamente allertato la capitaneria di porto. Così la task force si è messa subito in moto insieme ai sommozzatori dei Vigili del fuoco, per recuperare la salma. La stessa persona che ha allertato le forze dell'ordine aveva anche scattato una foto della donna senza vita avvolta dalla schiuma del mare. Al momento del decesso indossava un paio di anfibi neri, calze spesse e un giubotto invernale. Raggiungere il cadavere è stato tutt'altro che semplice. Ci sono volute più di due ore per recuperarlo, a causa del mare mosso e della zona impervia, impossibile da raggiungere se non via mare. Alle ore 16.30 il corpo è sbarcato alla banchina uno tramite una motovedetta, è stato trasportato all'obitorio di Torrette dove è avvenuto il riconoscimento. Con sé non aveva alcun documento e neppure un cellulare. Gli investigatori sin dall'inizio hanno propeso per la tesi dell'incidente viste le tipologie di graffi e tagli, frutto di una caduta dovuta ad una scivolata sulle rocce bagnate e viscose. Inoltre, si ipotizza anche che la donna mentre stava passeggiando non fosse perfettamente lucida. Francesca era una donna molto riservata, non amava i social, non le piaceva mostrarsi e ormai da qualche tempo aveva perso il lavoro, cosa che probabilmente la preoccupava parecchio. Giovedì 24 dicembre alle ore 14 i familiari potranno darle l'ultimo saluto nella chiesa delle Grazie, il quartiere dove viveva con il compagno, lo stesso che quel 17 dicembre aveva deciso di allertare le forze dell'ordine non vedendola rincasare

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento